Il pil italiano in rialzo e i 30 morti causati da Harvey. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo mercoledì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

Il pil italiano in rialzo e i 30 morti causati da Harvey. Le notizie del giorno, in breve

Due sopravvissuti all'uragano Harvey in Texas (foto LaPresse)

Moody’s rivede al rialzo le stime sul pil all’1,3 per cento. L’agenzia di rating americana prevede una crescita dell’1,3 per cento per quest’anno e per l’anno prossimo. Le stime iniziali erano rispettivamente dello 0,8 per cento e dell’1 per cento. “L’indice di fiducia dei consumatori ai massimi da 16 anni fa ben sperare per una ripresa dei consumi”, scrive l’agenzia.

  


 

“Lo Ius soli va approvato”. Così il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, intervenendo al Lido alla presentazione della seconda edizione del premio Migrarti: “Proprio per le politiche nuove molto forti che stiamo facendo sul tema dell’immigrazione, dobbiamo assolutamente approvare entro la fine di questa legislatura la legge sullo ius soli. E’ una battaglia di civiltà”.

    


 

“Non trattiamo con i trafficanti”. Il governo italiano ha smentito l’inchiesta dell’Associated Press che scriveva di un accordo, “sostenuto dall’Italia”, tra Tripoli e alcune milizie precedentemente impegnate nella tratta mediterranea, per impedire gli sbarchi. Lo scrive l’Ansa, citando fonti della Farnesina.

 


 

L’Inps condurrà le visite fiscali al posto delle Asl. Lo ha spiegato il presidente dell’Istituto, Tito Boeri. La regola entrerà in vigore dal primo settembre per “assicurare l’uniformità sul territorio”.

  


 

Borsa di Milano. Ftse-Mib +0,44 per cento. Differenziale Btp-Bund a 172 punti. L’euro chiude in calo a 1,18 sul dollaro.

  


 

DAL MONDO

  


 

Pyongyang promette di lanciare altri missili. Il presidente della Corea del nord, Kim Jong-un, ha detto che il test di martedì scorso, quando un missile balistico ha sorvolato il Giappone, non è che “un’anteprima” di altri test simili che il paese intende portare avanti. Donald Trump ha scritto su Twitter che “il dialogo non è la risposta” alla crisi nordcoreana.

  


  

Oltre le attese il Pil degli Stati Uniti. L’economia americana è cresciuta del 3 per cento nel secondo trimestre, oltre le attese, che prevedevano una crescita del 2,6 per cento.

 


 

Un raid blocca un convoglio jihadista. La Coalizione internazionale che combatte lo Stato islamico ha bombardato alcuni ponti per impedire ai terroristi in ritirata (concordata con l’esercito libanese, Hezbollah e el Assad) dal Libano di entrare in Iraq.

 


   

Microsoft dovrà pagare 600 milioni di euro alla Francia. Il fisco francese ha notificato all’azienda tecnologica americana mancate imposte versate per delle attività pubblicitarie fatturate dall’Irlanda a clienti francesi.

 


  

Guterres: “Togliere il blocco a Gaza”. Il segretario generale dell’Onu António Guterres, in visita a Gaza, ha chiesto a Israele e all’Egitto di levare l’embargo alla striscia di Gaza.

 


 

30 morti a causa dell’uragano Harvey, negli Stati Uniti. Il sindaco di Houston, ha imposto il coprifuoco in città per assicurare “la sicurezza pubblica”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi