Fasci da canonica e preti da piscina

Che cosa non funziona col buonsenso (e pure con il principio di laicità) nell’idea di Forza Nuova di andare a controllare la messa di don Biancalini a Pistoia

Fasci da canonica e preti da piscina

Foto tratta dal profilo Facebook di don Massimo Biancalani

Vai a lavarti nella piscina di Siloe, disse Gesù al cieco nato. Ciechi nati lo siamo un po’ tutti, di fronte agli sconvolgimenti migratori che viviamo, ma c’è davvero da strabuzzare gli occhi sentendo i fascistoidi di Forza Nuova annunciare la loro partecipazione domani alla messa di don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro, per non “lasciare i principi della dottrina cattolica alla berlina di chi si rifà alle perverse idee del lobbista Soros”.

 

Don Biancalini è il prete ormai famoso per aver portato alcuni richiedenti asilo in piscina. Non a recuperare la vista, ma a togliersi un po’ di caldo.

La cosa non ha garbato al catechismo degli xenofobi: “Ormai alcuni preti pensano che fare una foto con immigrati in piscina e lanciare anatemi contro i fascisti sia fare religione”. Quindi via alla sorveglianza domenicale. Detto fatto, arriva l’interpretazione inautentica sul sito di Rep.: “Pistoia, dopo le minacce la resa del vescovo”. Presto rettificata: “Il vescovo invia il vicario, don Biancalini non dirà messa da solo”, il che significa esattamente il contrario di una resa. E in effetti, in un post sul sito della diocesi, il vescovo Fausto Tardelli ha detto: “Credo che qui si stiano davvero oltrepassando i limiti. Spero solo che si voglia scherzare, anche se lo scherzo mi pare di cattivo gusto”. Che spetti a Forza Nuova stabilire se “il motto Dio Patria Famiglia sia oggi più che mai valido”, oltrepassa i confini del buonsenso e anche quelli della laicità di un normale stato di diritto. Ma laicità positiva a parte, resta che anche la chiesa dovrebbe fare attenzione: se dobbiamo dare retta ai social, la teologia di Forza Nuova piace pure a tanti cattolici tradizionalisti. I gesti profetici sono belli, ma hanno il rischio di essere male interpretati persino dai fedeli. E figurarsi dagli energumeni xenofobi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gbvargiu@gbvargiu.it

    gbvargiu

    26 Agosto 2017 - 20:08

    Discutibile quanto si vuole la contestazione di Forza Nuova rientra nella dialettica di una Chiesa ancora viva dove non è detto che la "gerarchia"abbia sempre ragione. Fin dai primi tempi evangelici la contestazione dei fedeli anche nei confronti degli Apostoli, ( San Paolo in particolare ) erano abbastanza comuni e non venivano respinte con fastidio ma affrontate con raziocinio: cosa che adesso manca, mi pare. Certo il fatto che un Parroco lanci anatemi contro il fascismo e i razzisti non mi pare evangelico; potrà essere espressione di una posizione politica del tutto legittima, ma non certamente evangelica: leggere appunto San Paolo. Sant'Agostino, Lutero etc. etc. Sant'Agostino nella Città di Dio riporta un verso di Virgilio: "" Tu ricorda, o Romano, di piegare e di reggere i popoli: queste le tue arti. E poi di dettare norme alla pace, perdonare i sottomessi e debellare i superbi ". Anche Sant'Agostino era razzista?

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    26 Agosto 2017 - 10:10

    E' un rincorrersi di battute e dichiarazioni francamente grottesco. Sarebbe il caso che, come raccomanda il grande Papa Ratzinger, anche Vescovi e parroci riscoprissero il valore del silenzio. Oddio, a uscir dal Vaticano e dalla Chiesa, non sarebbe male che pure i ministri di altri riti, ovvero i magistrati riscoprissero il valore ed il significato del silenzio. Gli uni tornando a predicare la parola di Dio nelle chiese, gli altri a pronunciare arringhe e sentenze nei tribunali. E basta. Un po' d'ordine ritrovato, insomma, in questa insopportabile babele di chiacchiere su giornali e TV , che ingenera tanta confusione e reazioni stravaganti dovente incontrollabili nei fedeli quanto nei cittadini.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    25 Agosto 2017 - 23:11

    Dio li fa e poi li accoppia, il prete e i fasci. Entrambe le parti la stanno facendo fuori dal vaso nello stesso identico modo.

    Report

    Rispondi

Servizi