Il terrorismo e la stramba teoria del santuario italiano

Perché non siamo ancora stati colpiti dagli attentati jihadisti? Si sussurrano complotti, ma la realtà sta nei numeri

Il terrorismo e la stramba teoria del santuario italiano

Foto LaPresse

Roma. Dopo ogni attentato in Europa circola puntualmente una teoria del complotto che cerca di spiegare il fatto che l’Italia non è ancora stata colpita dal terrorismo internazionale. Secondo i fautori di questa teoria, ci sarebbe un accordo fra i terroristi e i servizi segreti per consentire ai jihadisti di usare il nostro territorio a patto di non fare attentati. C’è un’altra versione meno saporita e meno intrigante che dice: “I terroristi non fanno attentati da noi perché l’Italia gli serve come punto di transito”. Basta seguire le cronache per smascherare queste ipotesi. A marzo quattro bosniaci sono stati arrestati perché preparavano un attentato a Venezia. A dicembre 2016 un italo-marocchino è stato arrestato perché preparava un attentato a Sesto San Giovanni. Ad aprile 2016 quattro marocchini sono stati arrestati perché avevano ricevuto la richiesta di fare un attentato a Roma. Sono soltanto esempi recenti, ma bastano a screditare la teoria dell’Italia come santuario da non toccare. La teoria non quadra anche perché questa generazione di terroristi funziona in modo diverso da quelle precedenti. Spesso non c’è un capo che impartisce ordini, ci sono individui sparsi che diventano fanatici e vanno a colpire. Se non c’è un centro di comando unico, come ci fa a essere una deliberazione di non colpire in Italia? Tanto più che dalla Siria e dall’Iraq la propaganda dello Stato islamico continua a indicare l’Italia come bersaglio da attaccare. Hanno minacciato Mattarella e Gentiloni nei video, hanno messo San Pietro sulla copertina della loro rivista, in un filmato prima hanno sgozzato venti ostaggi e poi hanno detto che l’obiettivo è Roma. Altri esempi screditano la teoria del santuario. Ci sono altri paesi dove i terroristi transitano, eppure sono attaccati, come per esempio la Turchia.

 

Per capire perché finora l’Italia è stata risparmiata, è più ragionevole guardare ai numeri. In Francia ci sono circa 250 individui tornati dalla guerra in Siria e in Iraq e c’è una lista di soggetti pericolosi che conta quindicimila persone. In Italia i volontari tornati da Iraq e Siria sono sei. Se si considera che per sorvegliare una persona ci vogliono 20 agenti che fanno turni a squadre, è facile capire che per ora i francesi – ma lo stesso vale per inglesi e belgi – hanno un problema più grande degli italiani. Lo Stato islamico è un gruppo opportunista. Colpisce dove riesce a colpire, l’importante è proiettare un’immagine di potenza, entusiasmare i supporter e far passare l’idea di un’Europa vulnerabile. Non ci sono paesi al riparo da quest’idea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cacasenno

    20 Agosto 2017 - 12:12

    Che rabbia tra i giornalisti che i terroristi non ci colpiscono! Non siamo proprio nessuno? Noi di che scriviamo? Che ci siano bravi ministri dell'interno e bravi investigatori è un'idea che neanche vi sfiora.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    20 Agosto 2017 - 12:12

    In Italia non ci sono attentati perchè i jiadisti sono in attesa dello ius soli.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    19 Agosto 2017 - 18:06

    Troppo semplice, troppo facile, in Italia non colpiscono perché è vero quello detto e cioè perché siamo un canale inestimabile per gli arrivi e un attentato bloccherebbe i flussi. Tutto vero e già detto. Quindi? Quindi si preferisce questa via di invasione e convenienze oppure si cerca di arginare lo sfascio? Gli attentati non sono isolati e fatti da fanatici in libera uscita ma hanno una regia se non altro nel dare il via all'azione. Per noi Italia è capire che fare a prescindere dall'eventuale attentato che non possiamo sapere e controllare ma che indirettamente subiamo per i motivi di cui sopra. Le elezioni sono vicine e questa politica di sponda non paga ha un prezzo troppo alto e lo vediamo ovunque sul territorio.

    Report

    Rispondi

  • direzione

    19 Agosto 2017 - 15:03

    Una ragione convincente. Ma poi ci sarebbe un altro intrrogativo: come mai in Italia attraccavano la gran parte delle navi ONg con i migranti ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi