I pompieri-incendiari in Sicilia sono anche un prodotto di incentivi perversi

Spegnere gli incendi a cottimo può mandare in fiamme l'Italia

I pompieri-incendiari in Sicilia sono anche un prodotto di incentivi perversi

Roma. La cosa interessante dell’indagine a Ragusa a carico della di un gruppo di persone accusate di aver appiccato incendi non è tanto che gli indagati siano una squadra di volontari dei Vigili del fuoco che agiva per tornaconto personale. Più che di una notizia clamorosa si tratta della conferma di quella che sembrava solo una leggenda metropolitana e che invece è spesso una realtà: l’esorbitante numero di forestali e pompieri in alcune regioni italiane non è solo una conseguenza dei tanti incendi, ma in molti casi la causa. E non è neppure sorprendente che, da un monitoraggio sul social network, il caposquadra arrestato era un tipo che intasava la propria pagina Facebook di post di Beppe Grillo, discorsi di Di Battista e insulti ai politici disonesti. Nessuno crede che la gente che si riempie la bocca di “benecomune” e le bacheche di “o-ne-stà” sia poi tanto diversa o meno ipocrita della casta degli anti-casta che la rappresenta in Parlamento.

 

Ciò che è più sorprendente in questa vicenda è il contratto con cui vengono retribuiti i volontari dei Vigili del fuoco: percepiscono 10 euro all’ora di indennità e soltanto se escono per un intervento. Se non ci sono chiamate: zero euro. Si tratta di un metodo pensato come un rimborso per persone che fanno volontariato, ma che in un contesto con scarso capitale sociale si trasforma in un incentivo perverso. E infatti i presunti pompieri-incendiari sono stati scoperti proprio a causa dell’eccessiva “produttività”.

 

La storia è piena di casi simili. Quando a inizio Novecento l’amministrazione coloniale francese a Hanoi decise di ripulire la città dall’infestazione di ratti pensò di mettere una piccola taglia per ogni topo ucciso. Ben presto i francesi si resero conto che in giro i topi aumentavano: per prendere il sussidio i vietnamiti avevano messo su degli allevamenti. Nell’800 i paleontologi che si recavano in Cina pagavano i contadini del posto per ogni frammento osseo di dinosauro che riuscivano a recuperare, ma solo dopo un po’ di tempo si accorsero che i cinesi quando trovavano grandi ossa le fracassavano per fare più soldi. Più tragica è la storia degli “orfani di Duplessis”, dal nome del premier del Québec, in Canada, che aveva disegnato un sistema di sussidi per gli orfanotrofi da 70 cent al giorno per orfano e da 2,25 dollari per i pazienti delle cliniche psichiatriche: migliaia di bambini sani furono spediti negli ospedali psichiatrici per intascare più soldi.

È importante punire chi trasgredisce le regole, ma anche ripensarle quando mostrano di essere controproducenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    08 Agosto 2017 - 23:11

    Questa degli incendi appiccati dai volontari retribuiti, dagli stagionali e dagli operai forestali è una dinamica che aveva già trovato numerosi riscontri in passato ma che i buoni, offesissimi, hanno sempre fatto passare per leggenda razzista, antisindacale, leghista, qualunquista. Solo loro hanno la titolarità dell' 'io so, ma non ho le prove', e con gli insulti de sinistra proteggono il voto di questi mantenuti mentre perseguitano le Ilaria Capua. Le due cose sono collegate e condizioni necessarie l'una dell'altra. Che il farabutto a capo di questi incendiari sia oggi un grillino è solo l'ultima forma (in ordine di tempo) assunta dal meccanismo demeritocratico-socialista vigente, che nelle regioni dell'assistenzialismo sistematico si esprime direttamente come malavita. Vabbe', vorrà dire che se perde questo reddito gli daranno quello di cittadinanza, come promesso.

    Report

    Rispondi

Servizi