No al Parco Arafat a Roma

I grillini non onorino l’ex leader e terrorista assieme a Elio Toaff

No al Parco Arafat a Roma

Un parco per Yasser Arafat e una piazza per Elio Toaff. Lo ha deciso l'Amministrazione di Virginia Raggi, che ha disposto di celebrare il leader palestinese e il rabbino capo, il primo con un parco a Centocelle e il secondo con uno slargo di Colle Oppio. Benemerita la decisione di omaggiare l’ex leader spirituale dell’ebraismo italiano. Pessima quella di intitolare un parco di Roma al leader di Fatah, il capo dell’Autonomia palestinese, l’uomo che auspicava “un milione di shahid” per conquistare Gerusalemme, che orchestrava Intifade assassine e che poi sedeva all’Onu a trattare con tutti i leader mondiali, dopo aver vinto in maniera ipocrita un Nobel per la Pace. Ai primi anni Ottanta, Toaff attaccò il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, per aver ricevuto Arafat nella sua prima visita in Italia, mentre il presidente del Consiglio Giovanni Spadolini si rifiutava di incontrare il leader dell’Olp, e i segretari di Dc, Pci e Psi accoglievano il leader palestinese con gli onori di un capo di governo. All’epoca Arafat e i suoi seguaci avevano versato il sangue di molti ebrei, in Europa come in medio oriente, compreso l’attacco al ghetto di Roma. Le sue azioni avevano inorridito il mondo e Arafat arrivò in Italia in cerca della pubblicità in un momento in cui l’Olp perseguiva la distruzione di Israele. Nel 1982 Arafat non era né un premio Nobel per la pace né un “presidente”. Era semplicemente un terrorista e Toaff lo sapeva. Devono ricordarselo anche i grillini che governano a Roma. Che Arafat ha lasciato una eredità tragica, per i palestinesi come per Israele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • robyv73

    09 Agosto 2017 - 07:07

    Cento celle è ciò che si sarebbe meritato Arafat, sicuramente non un parco. Tutti ripugnano Hitler ma chissà perché moltissimi sono schierati con i suoi alleati arabi che non hanno mai cambiato idea sulla "soluzione finale". Evidentemente la storia è una materia ignorata da troppi Europei, perciò è destinata a ripetersi.

    Report

    Rispondi

  • Eliyahu

    07 Agosto 2017 - 22:10

    Io e la mia mogllie non possiamo tornare a Roma se ci sara un parco arafat. Un'idea ripugnante.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    07 Agosto 2017 - 21:09

    Pare che i problemi di Roma siano altri. Spiace per la nuova toponomastica, ma ce ne faremo una ragione.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    07 Agosto 2017 - 20:08

    Già che ci sono potrebbero intitolare una piazza a Adolf Hitler e una riparatrice a Gino Strada (che prosegue le sue contorsioni logiche per spiegare l'inutilità della guerra a Hitler).

    Report

    Rispondi

Servizi