Incontrare Pino la Rana tra le frescacce di Roma mafiosa

Un incontro dentro e fuori del tempo. Sapere che era tutto chiaro già prima. Senza le rozzissime menti del “mistero”

Incontrare Pino la Rana tra le frescacce di Roma mafiosa

Pino Pelosi (foto LaPresse)

Non gli domandai se avesse ucciso da solo Pasolini, sono una persona discreta, e per istinto faccio dipendere il mio giudizio dalle circostanze e niente altro. “A diretto’, sono Pino Pelosi”. Procedevo con un amico per un gelato da Zi’ Elena, in piazza Testaccio, sotto casa. Era sera. Che incontro dentro e fuori del tempo. Ho tenuto una fredda e normalissima cordialità, pensando all’adolescente che era, al carcere che ha fatto, alla vita che gli è toccata in sorte, fino...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi