Il decreto vaccini passa in Senato e lo scontro Kuwait-Iran. Le notizie del giorno in breve

Tutto quello che è successo giovedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

L'ok del Senato al decreto vaccini e lo scontro Kuwait-Iran. Le notizie del giorno in breve

LaPresse/Roberto Monaldo

DALL'ITALIA

   

L’Austria ha di nuovo minacciato di chiudere il Brennero. Il ministro degli Esteri austriaco, Sebastian Kurz, ha detto che se l’Italia “continuerà a far arrivare migranti verso nord” sarà costretto a “chiudere i confini. Basta ingressi illegali di migranti”. Kurz ha spiegato la posizione austriaca dopo l’incontro con il ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano, a Vienna.


Non attaccherò Gentiloni sullo ius soli. Il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha rinnovato la fiducia al premier: “Ho fatto il presidente del Consiglio con i tuoi che ti attaccano, so che vuol dire”.


Il Senato approva il decreto vaccini. Il provvedimento rende obbligatori per i minori fino a 16 anni di età dieci vaccini. Il testo passa ora alla Camera per il voto definitivo, venerdì 28 luglio. Per il ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, si tratta di “un fatto storico”.


“Gli immigrati valgono un punto di pil”. Secondo il presidente dell’Inps, Tito Boeri: “Versano 8 miliardi, ne ricevono 3 in prestazioni sociali. C’è sempre più bisogno di migranti, soprattutto di quelli regolari che contribuiscono al nostro sistema”.


E’ morto Pino Pelosi. Era stato condannato in via definitiva per l’omicidio di Pier Paolo Pasolini.


Rimpatriato il guineano che lunedì scorso ha provato ad accoltellare un poliziotto alla stazione centrale di Milano. Lo ha detto ministro dell’Interno Marco Minniti.


Domani la deadline su Alitalia. Entro le 18 gli acquirenti dovranno presentare le loro offerte non vincolanti per l’acquisto della compagnia aerea.


Borsa di Milano. Ftse-Mib -0,19 per cento. Differenziale Btp-Bund a 158 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,16 sul dollaro.

  

DAL MONDO

  

E’ necessaria chiarezza sulla Brexit. Il capo dei negoziatori per la Ue Michel Barnier, ha detto che esistono ancora divergenze significative tra le parti, in particolare rispetto ai diritti dei cittadini europei residenti nel Regno Unito e sulla cifra che i britannici dovranno pagare all’Unione al termine dei negoziati.


John McCain ha un tumore al cervello. Il senatore repubblicano, veterano del Vietnam ed ex candidato repubblicano alla presidenza contro Barack Obama, ha 80 anni.


Il ministro della Giustizia, Jeff Sessions, non intende dimettersi. Donald Trump aveva detto al New York Times di essere pentito di averlo nominato.


La Bce manterrà i tassi invariati. Lo ha comunicato il presidente, Mario Draghi, in conferenza stampa. La discussione su un eventuale cambiamento di politica monetaria “dovrebbe avvenire in autunno”, ha chiarito. La Bce ha abbassato il plafond del programma di liquidità d’emergenza a favore delle banche greche di 1,1 miliardi di euro.


La Polonia ha approvato la riforma della Corte costituzionale che aumenta l’influenza del potere esecutivo sui giudici. Le opposizioni hanno definito la legge “un colpo di stato”, l’Unione europea ha minacciato di aprire una procedura d’infrazione.


L’Aids è sempre meno mortale. Nel 2016, nel mondo, è morto un milione di persone per malattie legate all’infezione, la metà rispetto al 2005.


Scontro tra Kuwait e Iran. L’agenzia di stampa iraniana Isna ha riferito che a seguito delle pressioni saudite lo stato del Golfo avrebbe dato 48 ore all’ambasciatore iraniano per lasciare il paese. Il Kuwait ha smentito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi