Il vertice di Trieste sui migranti e le decisioni della Fed. Le notizie del giorno in breve

Tutto quello che è successo mercoledì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

Il vertice di Trieste sui migranti e le decisioni della Fed. Le notizie del giorno in breve

Foto LaPresse

Gentiloni ha incontrato Merkel e Macron a Trieste. I tre leader hanno discusso della crisi migratoria. Per il premier italiano, Paolo Gentiloni, è necessario affidare la gestione dei migranti a tutti i paesi europei. Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha ammesso che la Francia “non ha sempre fatto la sua parte” promettendo progressi nell’accoglienza. Ha però ribadito la contrarietà alla redistribuzione dei migranti economici dagli altri paesi.

 


 

Il sistema bancario è saldo dopo le soluzioni trovate per Mps e banche venete. Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, all’assemblea dell’Abi.

La Camera ha votato la fiducia al decreto banche venete, con 318 sì.

 


 

“Noi alleati dei genitori di Charlie”, ha detto il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti: “La vita va difesa, favorita, aiutata fino in fondo. Nessuno ha il diritto di intervenire finché ci sono delle condizioni di vita”, ha aggiunto.

 


 

Non tutti i tagli delle tasse sono uguali. Per il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, “bisogna valutare bene come usare lo spazio fiscale, se limitato”.

 


 

Sì a Flixbus e Uber. Il presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti ha detto che bisogna regolare le nuove forme di trasporti senza “avere paura del nuovo”.

 


 

Borsa di Milano. Ftse-Mib +1,52 per cento. Differenziale Btp-Bund a 167 punti. L’euro chiude in calo a 1,14 sul dollaro.

 


DAL MONDO


Luiz Inácio Lula da Silva condannato a 9 anni e 6 mesi. L’ex presidente del Brasile è stato condannato in primo grado per corruzione nell’ambito del processo legato alla compagnia petrolifera statale Petrobras.

 


  

La Fed non aumenterà i tassi d’interesse. Lo ha detto Janet Yellen, governatrice della Banca centrale americana, alla Camera. Ci saranno dei “rialzi graduali” per sostenere la crescita e raggiungere il 2 per cento di inflazione.

 


 

Scontro tra Germania e Russia sulla Crimea. Il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, ha detto che l’utilizzo di due turbine tedesche da parte della Russia in Crimea, in violazione delle sanzioni, è “inaccettabile”.

 


 

Il piano del Regno Unito sulla Brexit “non permette reciprocità e non permette ai cittadini dell’Unione residenti nel Regno Unito di continuare a vivere come oggi”. Lo ha detto il capo negoziatore dell’Unione europea Michel Barnier.

 


 

Il piano della Francia sui migranti prevede nuove procedure di espulsione, 5.000 nuovi alloggi per rifugiati e 7.500 per i richiedenti asilo. Secondo il primo ministro, Édouard Philippe, finora i risultati sono stati “insoddisfacenti”.

 


 

Aumenterà la domanda mondiale di petrolio. Secondo l’Opec la domanda dovrebbe registrare nel 2018 un rialzo dell’1,3 per cento grazie ai consumi di Cina e Stati Uniti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi