La fiducia sullo ius soli e l'avanzata di Haftar a Bengasi. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo mercoledì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

La fiducia sullo ius soli e l'avanzata di Haftar a Bengasi. Le notizie del giorno, in breve

Milano, Flash mob a sostegno dello ius soli (LaPresse)

DALL'ITALIA

 

Il governo porrà la fiducia sullo ius soli al Senato. Secondo quanto riporta l’agenzia Reuters, la decisione è motivata dal numero di emendamenti presentati al testo, più di 40.000. Il provvedimento è già stato approvato alla Camera, dove il governo dispone di una larga maggioranza.

Giovedì a Roma si terrà la direzione del Pd per discutere dei risultati alle amministrative e della strategia per le prossime elezioni politiche.


Sproporzionati i fondi europei per l’immigrazione. Lo ha detto il ministro dell’Interno Marco Minniti: “Tra quello che si è investito nella rotta balcanica e quello che si sta investendo oggi nel Mediterraneo centrale esiste una sproporzione insostenibile e non accettabile”.


Approvata la legge sulla tortura. La Camera ha votato il provvedimento con 198 voti a favore, 35 contrari e 104 astenuti.


Il piano per Mps prevede 5.500 esuberi. La ristrutturazione della banca comporterà anche la chiusura di 600 filiali, circa un terzo del totale, tra il 2017 e il 2021.


Le entrate erariali sono aumentate nel primo trimestre del 2017 dell’1,9 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016. In aumento del 4,3 per cento anche le entrate dell’Iva.


Borsa di Milano. FtseMib -0,44 per cento. Differenziale Btp-Bund a 166 punti. L’euro chiude stabile a 1,13 sul dollaro.

  

DAL MONDO

 

È morto Joaquin Navarro-Valls. Medico psichiatra e poi giornalista, è stato lo storico portavoce di Papa Giovanni Paolo II. Aveva 80 anni, era nato a Valencia.


Esercitazione tra Corea del sud e Usa in risposta al test missilistico nordcoreano. I due stati hanno effettuato lanci di missili nelle acque territoriali sudcoreane.


I chavisti hanno fatto irruzione nel Parlamento in Venezuela. Il gruppo di sostenitori di Maduro ha ferito dei deputati di opposizione prima di essere espulso.


Volvo produrrà auto elettriche dal 2019. L’azienda convertirà tutta la sua produzione verso auto elettriche o ibride.


Haftar avanza a Bengasi. Le forze libiche fedeli al generale che controlla la Cirenaica hanno conquistato un’area contesa con le milizie islamiste dopo intensi combattimenti, con almeno 44 soldati caduti.


Il boicottaggio al Qatar continuerà. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri saudita in conferenza stampa.


La nuova sede dell’Ema, l’agenzia del farmaco europea, sarà scelta “in base ai criteri della Commissione europea”. Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi