Siccità di buonsenso. Il benecomunismo dell'acqua pubblica ci ha inaridito

L’Italia è un paese ricco di acqua: ne ha in teoria 3.000 metri cubi pro capite annui che però si riducono a 1.000 perché gli invasi sono obsoleti. E anche le condutture dell’acqua potabile portano i segni della vecchiaia

Siccità di buonsenso. Il benecomunismo dell'acqua pubblica ci ha inaridito

Foto LaPresse

In questi giorni i media hanno fatto vedere campi in siccità con zolle screpolate per mancanza di acqua: colpa del mutamento del clima, che surriscalda il pianeta e di Donald Trump che si rifiuta di firmare l’accordo per la riduzione degli inquinamenti, creatori d’effetto serra. Dal 24 in poi son venute pioggia e grandine e il cielo è nebuloso. Ma di acqua c’è ancora carenza nella pianura emiliano-veneta, nonostante che vi scorra il Po con undici affluenti sulla sinistra e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi