Simone Veil, 1927-2017. Un "enigma" tra Novecento, Europa, aborto

Nata Jacob, sopravvissuta ad Auschwitz, magistrato, membro del Consiglio costituzionale, primo presidente del Parlamento europeo, resterà nella memoria come il ministro che sostenne l’introduzione della legge sull’aborto in Francia nel 1974

Simone Veil, 1927-2017. Un "enigma" tra Novecento, Europa, aborto

Foto LaPresse

Quando l’accolse all’Académie française – sesta donna a entrare fra i quaranta “immortali”, il gran decano Jean D’Ormesson parlò di Simone Veil come di un “enigma”, plasmato in lei dalla coesistenza di tradizione e modernità: “Femminista, ma custode della differenza di genere, paladina dei più deboli, ma contraria alla vittimizzazione, severa con sé e con gli altri nel rifiutare la Legion d’onore in modo implacabile: ‘Non basta essere finiti in un campo di sterminio per meritare una decorazione’”. Nata Jacob,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi