Cosa deve fare l'Italia per fermare l'onda di migranti (in attesa che l'Ue si svegli)

Dal ruolo delle ong all’accoglienza. Proposte al nostro governo in attesa che l’Europa decida di fare qualcosa

Cosa deve fare l'Italia per fermare l'onda di migranti (in attesa che l'Ue si svegli)

Un gruppo di migranti sbarcati a Salerno (foto LaPresse)

Il problema non è la fotografia dell’esistente: se si pensa al quantità di profughi che oggi si trovano in Turchia, in Giordania o in Libano, gli oltre 200.000 previsti per l’Italia nel 2017 non sono un peso così insostenibile in teoria, pur se sommati a quelli già presenti. Il problema è per un verso la prospettiva: il trend in crescita rischia – se non accompagnato da misure serie – di rendere il peso insostenibile in concreto; per altro verso è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    29 Giugno 2017 - 17:05

    Con il tempo e con la paglia maturano le nespole. Quando tra qualche anno i neri d'Africa cominceranno ad inserirsi al ribasso nel mondo del lavoro e così inizieranno i ricongiungimenti ,il problema sicurezza perderà molto della precarietà attuale ma si cominceranno a vedere prima isolati e poi quartieri ( facciamo tra 10 anni ) ghetto come in tutti paesi della civilissima Europa e in buona misura in America. Perchè tanti allarmismi. Questo è il vero multiculturalismo .vai là e c'è il quartiere mussulmano arabo ,vieni quà e c'è il quartiere mussulmano nero e via così. Perchè non ricordare che i tanto decantati migranti italiani nella tanto decantata accolgiente America furono/ si chiusero a NYC nel ghetto che divenne famoso come Little Italy. Pace e bene a tutti.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    29 Giugno 2017 - 17:05

    Al direttore – Sovviene: “Se potessi avere mille lire al mese …” Già, se esistesse l’Italia, e non “una nave senza nocchiero in gran tempesta”, qualcosa si potrebbe fare e, farla bene. Ma in mancanza di materia prima, non resta che “ringraziare” per quello che ci vorranno concedere. Se le chiacchiere facessero farina, saremmo la prima potenza del pianeta.

    Report

    Rispondi

  • nzo2247

    29 Giugno 2017 - 16:04

    Si parla spesso e male di immigrazione ed accoglienza perché a mio avviso dare ospitalità deve essere sinonimo di prospettiva di vita. Oggi i nostri governanti si stanno dimostrando una massa di incapaci poiché non hanno minimamente la capacità di gestire e programmare le tematiche post immigrazione. L'accoglienza senza una programmazione è solo e unicamente un grande imbroglio verso questa povera gente. Parliamo poi di Europa !!!!!! Questa di oggi è un’Europa mancata anzi fallita che troppo spesso ci impone leggi solo e unicamente a suo uso e consumo e poi ci chiude la porta in faccia. E’ cosa giusta che: chi diventa cittadino italiano sia parificato a tutti noi nati in Italia da genitori Dato che l’EUROPA Il presidente europeo di turno ha detto testualmente " sono solo fatti vostri ... Arrangiatevi". Il presidente di turno sta creando le basi per un’EUROPA a livelli diversi e divergenti invece di mirare a una condivisione e comunione d’intenti sembra venir meno a quanto ci si auspica

    Report

    Rispondi

  • nzo2247

    29 Giugno 2017 - 16:04

    Forse la mia è FANTA POLITICA o forse VERITA’: spero che i nostri politici non si facciano comprare da un pugnetto di euro che l’EUROPA ci butterà davanti al muso, spero vivamente che “ LOR SIGNORI” non si gettino sul crogiuolo come bestie pur di arraffare un po’ di denaro in più .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi