Il reato di padre Livio

Come a Praga nel 1977, in Italia nel 2017 un giornalista cattolico è stato sospeso per quello che pensa

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Il reato di padre Livio

Padre Livio Fanzaga

Nel 1977 Radomir Maly era un giornalista cattolico di Praga. Quando insieme a Václav Havel appose la propria firma a “Carta 77”, la dichiarazione critica del regime comunista cecoslovacco, Maly venne arrestato e cacciato dalle associazioni di cui faceva parte. Nell’Italia del 2017 succede che un altro giornalista cattolico venga sospeso dall’Ordine dei giornalisti. Si tratta del direttore di Radio Maria, padre Livio Fanzaga, sospeso per sei mesi dall’Ordine per aver attaccato la relatrice della legge sulle unioni civili, Monica Cirinnà, paragonandola alla grande meretrice dell’Apocalisse.

 

Ieri, Padre Livio ha detto di credere alla “distinzione fra le idee, che possono essere diverse, e le persone che vanno rispettate qualunque sia il loro ‘credo’”. L’Ordine dei giornalisti la pensa diversamente e sta imponendo la visione che il premier spagnolo Zapatero espose in una celebre intervista a Time: “Se la maggioranza la pensa in un certo modo, ha ragione”.George Orwell aveva capito che la “neolingua” non sarebbe stata una lingua radicalmente nuova, ma la manipolazione di quella esistente. Così l’aggettivo “libero” non si sarebbe più usato nel significato di “intellettualmente indipendente”, ma in frasi come “questo cane è libero dalle pulci” o “questo campo è libero da erbacce”. L’Ordine dei giornalisti ha così messo il proprio timbro sulle “Linee guida per una informazione rispettosa delle persone Lgbt” redatto dall’Unar, l’Ufficio nazionale contro le discriminazioni. Un lavaggio del cervello per stanare nell’informazione i “tic omofobici” e dove si chiede di eliminare espressamente anche il solo contraddittorio sui media: “Quando si parla di tematiche Lgbt, è frequente che giornali e televisioni istituiscano un contraddittorio: se c’è chi difende i diritti delle persone Lgbt si dovrà dare voce anche a chi è contrario. Questo, però, non è affatto ovvio”. Si parla di “omofobia interiorizzata”, una “forma di omofobia spesso non cosciente, risultato dell’educazione e dei valori trasmessi dalla società”. Vietato parlare di “matrimonio tradizionale” e “matrimonio gay”, diffonde la pericolosa idea che si tratterebbe di “un istituto a parte, diverso da quello tradizionale”. Ci sono alcune regole pratiche da seguire, come non “virgolettare i discorsi di personalità pubbliche che incitano all’odio contro le persone Lgbt”.

 

L’Italia è fra i paesi più tolleranti nell’accettazione dell’omosessualità. Siamo al quarto posto nella classifica mondiale secondo il rapporto Pew “Where Homosexuality Is Most Accepted”. Ma nonostante questo dato, l’Ordine dei giornalisti agita lo spettro dell’omofobia. L’Ordine dei giornalisti del Veneto ha organizzato un corso di aggiornamento dal titolo “Informare senza discriminare. Identità e gender theory”. Il corso “Discriminazione femminile e sessualità di genere” è stato organizzato dall’Ordine del Friuli-Venezia Giulia, mentre “Orgoglio e pregiudizi” è il titolo dei seminari di formazione per giornalisti organizzati a Milano, Roma, Napoli e Palermo. Ma si sbaglierebbe a considerare l’Italia come una eccentricità. L’Association des Journalistes Lgbt in Francia ha stilato regole etiche cui si sono sottomessi più di venti organi tra giornali, radio e pagine web (le Monde, Libération, Médiapart e Inrockuptibles). Gay Pride non va bene, meglio “marcia della fierezza”. Via l’espressione “confessare l’omosessualità”, non è una colpa. Quale sarà il prossimo passo, la Spagna del 2017, dove i vescovi sono denunciati per aver espresso idee contrarie sulle nozze gay? E’ successo ai cardinali Antonio Cañizares e Antonio María Rouco Varela. Come in Spagna, dove da dieci anni si celebrano i matrimoni gay, anche nell’Italia delle unioni civili cresce una piccola inquisizione che punisce non più i “rei d’immoralità” come nel XV secolo, ma il sospiro critico cattolico contrario alle leggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lillilarocca@gmail.com

    lillilarocca

    25 Giugno 2017 - 03:03

    Bravo Padre Livio Dai addosso a questi scomunicati!

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    24 Giugno 2017 - 23:11

    Che briga si prende, l'ODG, di stabilire qualcosa sul diritto di scrittura?. Di stabilire, per esempio, e derivarne una regola, che parlare di matr. trad. e matr. gay diffonderebbe la pericolosa idea di un istituto a parte (perchè? E perchè 'pericolosa'?) Che se un Luigi Barzini oggi scrivesse 'confessare' (la gayezza) farebbe per forza pensare a una colpa e non, ad es. a un'imbarazzo o una riservatezza di chi 'si 'dichiara'; o anche a niente (es. 'ti confesso che mi sono rotto). Che (e questa è la cazzata più divertente) nel riportare frasi a connotato negativo per i gay non le si deve virgolettare, come dire che è meglio che non si riporti di preciso ciò che dice qualcuno. Il diritto di scrittura, dunque, per il Soviet dei g. si arresta su lemmi (non dilemmi) da esso arbitrariamente decisi, e non per intruire le segretarie delle sue sedi, bensí i suoi datori di lavoro (pagatori), i giornalisti. Continuare a denunciare! E, noi, lasciamo in pace i froci.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    24 Giugno 2017 - 23:11

    L'Ordine dei giornalisti è una associazione a delinquere di stampo mafioso. Le sezioni regionali del suddetto ordine si chiamano "mandamenti".

    Report

    Rispondi

  • Silvius

    24 Giugno 2017 - 14:02

    Caro Sig. Meotti, Il provvedimento dell'Ordine dei Giornalisti (di cui Lei immagino faccia parte, non io, semplice lettore) è stato forse eccessivo, e soprattutto strabico dato che giornalisti che fanno ben di peggio rimangono intoccati. Detto questo mi sembra capzioso definire "opinione" le offese cafone e aggressive di quel signore, peraltro uso a simili piacevolezze. Sostenere che venga discriminato per ciò "che pensa" presuppone innanzitutto che lui "pensi", e che "pensare" una cosa comporti il diritto di dirla urbi et orbi. Nella fattispecie a una carica dello Stato nell'esercizio delle sue funzioni e al Parlamento Italiano. Sono sicuro che se un Suo collega scrivesse frasi offensive contro neri o Ebrei Lei sarebbe il primo a scandalizzarsi. E se qualcuno derubricasse quelle frasi a "pensieri" Lei dissentirebbe. Devo proprio spiegarglielo io? Sono il primo a detestare il politicamente corretto, ma ci sono anche dei limiti.

    Report

    Rispondi

Servizi