E' morta Erika, la donna schiacciata negli incidenti di Torino

La 38enne, come anticipato dai medici in mattinata, non ce l'ha fatta ed è deceduta ieri sera. La Appendino proclama il lutto cittadino

E' morta Erika, la donna schiacciata negli incidenti di Torino

La piazza di Torino dopo gli incidenti scoppiati nel corso della finale di Champions (foto LaPresse)

E' morta ieri sera, poco prima delle 22, Erika Pioletti, la donna di 38 anni schiacciata dalla folla in piazza San Carlo per i tumulti durante la finale di Champions e ricoverata all'ospedale San Giovanni Bosco. Ieri in mattinata i medici avevano detto che non c'erano più speranze di salvare la giovane, colpita mortalmente durante la fuga di altre centinaia di persone in piazza. "Si aspetta il decesso a breve", avevano detto i dottori.

 

Ora i genitori hanno espresso la volontà di donare gli organi, mentre la città si stringe attorno alla famiglia. "In un momento di così profondo dolore, ogni parola sarebbe superflua. Posso solo esprimere le più sincere condoglianze mie e di tutta la città a familiari e amici di Erika. Per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino", ha detto il sindaco di Torino, Chiara Appendino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Giugno 2017 - 16:04

    Se Appendino è nel suo ruolo pro quota responsabile dei 1527 feriti ora che c'è il morto come la mettiamo? La responsabilità penale è personale .Il Comune è un concetto astratto che acquista vita come personalità giuridica essendo una istituzione pubblica ma la responsabilità resta a carico delle persone che lo rappresentano e agiscono per conto.

    Report

    Rispondi

Servizi