Niente archiviazione per Marco Cappato, lo ha deciso il gip

Il giudice per le indagini preliminari ha fissato una udienza di discussione tra le parti per il 6 luglio. 

Niente archiviazione per Marco Cappato, lo ha deciso il gip

Foto LaPresse

Non ci sarà archiviazione per Marco Cappato. Il gip milanese Luigi Gargiulo infatti non ha accoglie in prima battuta la richiesta della Procura di Milano per l’ipotesi di reato di aiuto al suicidio in Svizzera di Fabiano Antoniani, Dj Fabo, che l’esponente dei Radicali aveva accompagnato a fine febbraio in una clinica di Zurigo. Il giudice per le indagini preliminari ha dunque fissato una udienza di discussione tra le parti per il 6 luglio.

 

Nella richiesta di archiviazione i pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini avevano argomentato che "le pratiche di suicidio assistito non costituiscono una violazione del diritto alla vita quando siano connesse a situazioni oggettivamente valutabili di malattia terminale o gravida di sofferenze o ritenuta intollerabile o indegna dal malato stesso".

 

"Lo stabilisce il pm quando una cosa costituisce o meno una violazione del diritto alla vita? E tra “diritto alla vita” e diritto inteso come ciò che è scritto nella legge (stato di diritto) come la mettiamo?" si era chiesto il Foglio la settimana scorsa in un editoriale.

Il pm che fa "etica" sul caso Dj Fabo

L’archiviazione chiesta per Cappato e il “diritto alla vita”. E la legge?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    11 Maggio 2017 - 14:02

    Una chiosa. Nella mia lunga e avventurosa vita ho dato e preso il pour boire a volte qualcosa di più in andata e ritorno. Con una clinica che ti suicida a botte di 15mila euro a botta per l'accompagnatore il pour boire no? Io i 15 mila euro li ho e se del caso mi rivolgerei all'ottimo assistenzievole Cappato , gli darei una cagnotte personalmente . Se lo merita ampiamente per quanta buona volontà mette nelle sue assistenze. Sarebbe un gesto amichevole complice tra aspirante e condiscendente. Stretti stretti vicini vicini. Anche rischiando di andare a Striscia la Notizia. Che vale dopo morto ?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Maggio 2017 - 14:02

    Avanti con gli anni tanti e lunghi e una vita avventurosa ,ho dato e preso il pour boire e non ho il minimo sussulto di colpa meno che mai sensi vari di virtuosità defraudata. Gesù nel banchetto sponsale di Cannaan diede retta alla madre e compì un vero atto snob di chi avendo un immenso potere si perde nel rabbocco alla botte di un oste arimasto a secco. Se quel che ha fatto Gesù è comparabile al divino io come divinità stò già messo molto bene.Ma sono volenterosamente maligno.Con 15mila suicidi assistiti a botta e Cappato che si vanta per una assistenza di oltre cento ,il pour boire no?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Maggio 2017 - 12:12

    " Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l'altrui proposito di suicidio , ovvero agevola la esecuzione, è punito,se il suicidio avviene con la reclusione da cinque a dodici anni". Questa la prima parte del primo comma dell'art.580 del cod.penale. Ciò che subito si nota la gravità della pena che ne quantifica la pericolosità sociale e poi la fattispecie di reato che descrive in dettaglio il comportamento di Marco Cappato. I pm hanno privilegiato la interpretazione poco ortodossa che le azioni poste in essere dai radicali di Pannella hanno sempre un contenuto e finalità sociali nobili ,quasi l'imputato se radicale abbia una speciale indulgenza nel senso di esimente davanti alla legge. La giustizia come campo nel quale la prestidigitazione mentale sconfigge la lettera della norma.Ben ha fatto il Gip a respingere l'archiviazione. Sia un processo a stabile se Cappato è un furbo un esaltato o un mascalzone.

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    11 Maggio 2017 - 11:11

    A questo giro ad un PM non e' riuscito di fare politica? Ed e' un suo collega che di fatto gli bacchetta le mani? E' un evento quasi unico e sicuramente da registrare negli annali.

    Report

    Rispondi

Servizi