La visita di Obama a Milano

L'ex presidente degli Stati Uniti è stato invitato come relatore al Seeds & Chips: ascoltarlo costa 850 euro. L'agenda dei due giorni in Italia 

La visita di Obama a Milano

Foto LaPresse/REUTERS

Barack Obama oggi sarà a Milano. L'ex presidente degli Stati Uniti è stato invitato come relatore al Seeds & Chips, fiera internazionale dedicata al cibo tra le più importanti al mondo. Terrà un discorso della durata di circa mezz'ora su temi legati alla scarsità del cibo, all'innovazione nell'agricoltura, all'importanza della lotta allo spreco alimentare e al cambiamento climatico. A "duettare" con Obama, alla fiera di Rho-Pero, ci sarà il celebre chef Sam Kass, ideologo della campagna contro l'obesità in America, "Let's move", portata avanti dall'ex first lady Michelle Obama.

     

L'evento in fiera è a porte chiuse. Sono stati previsti 3500 partecipanti, ognuno dei quali ha pagato un biglietto di 850 euro per poter partecipare alla quattro giorni e quindi assistere allo speech di Obama. Il suo intervento sarà naturalmente retribuito, e non poco: alla Casa Bianca si vocifera di un assegno da 400mila euro, tra i più alti mai richiesti come "speaking fee" da ex inquilini dello Studio ovale. Ad accogliere l'ex presidente democratico, alla fiera, saranno presenti il sindaco di Milano, Beppe Sala, che gli consegnerà il Sigillo di Milano, il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, e il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, che ieri ha detto di volergli regalare "i semi provenienti dall’isola di Lampedusa, semi che provengono dal progetto l’Orto di Lampedusa dell’associazione Terra!, che ha realizzato una rete di orti per rilanciare l’agricoltura locale, riscoprendo specie autoctone a rischio scomparsa".

     

Stasera Obama parteciperà a una cena organizzata all'Ispi, l'Istituto di politica internazionale con sede a Palazzo Chierici, a due passi dal Duomo di Milano. Ospite all'Ispi alla cena di stasera ci sarà anche il da poco rieletto segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, che giusto ieri ha detto di considerare "un gigantesco onore iniziare la mia esperienza da segretario accogliendo Obama domani (oggi, ndr) a Milano come ritorno di uno statista e di un leader che avrà molto da dire per le prossime generazioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gianni.rapetti

    08 Maggio 2017 - 15:03

    Ah, che meraviglia il marketing politico.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    08 Maggio 2017 - 13:01

    Milano sempre più vera capitale d'Italia. Quanto all'intervento di Obama mi astengo per prudenza da qualsiasi considerazione...

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    08 Maggio 2017 - 12:12

    Con tutto il rispetto per Obama, come sarebbe stato per Bush o altro nome, il fatto che si paghi per ascoltarlo mi sembra una scelta sbagliata. In Italia non siamo negli Usa dove gli ex presidenti incassano prebende scandalose per le loro relazioni che poi alla fine non è che dicano niente di nuovo, rispetto al loro operare come presidenti. Ma negli Usa succede così, non certo in Italia.

    Report

    Rispondi

Servizi