Zuccaro conferma le sue opinioni sulle Ong e chiede di usare le intercettazioni

Tra tante ipotesi e pochi fatti, la versione del procuratore di Catania al Senato 

Zuccaro conferma le sue opinioni sulle Ong e chiede di usare le intercettazioni

Operazione di salvataggio di 433 migranti al largo della costa libica (foto LaPresse)

In Commissione Difesa al Senato, il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro ha dato la sua versione sull’ipotesi d’accusa proposta nei giorni scorsi nei confronti delle organizzazioni non governative, che secondo Zuccaro avrebbero contatti con i trafficanti di migranti. 

    

Una premessa che però Zuccaro ha chiarito solo in chiusura del suo intervento è che il focus della procura di Catania "non sono le Ong ma sono i trafficanti e chi specula, anche in Italia, sui migranti". Da qui il sillogismo che se Catania ci parla oggi di Ong, è perché le Ong speculano sui migranti. Un’accusa questa che muove da informazioni reperite da Frontex e dalla Marina militare, che evidenzierebbero contatti radio e comunicazioni tra le Ong e i trafficanti. L’ammiraglio Donato Marzano (comandante in capo della squadra navale della Marina militare), sempre in commissione Difesa del Senato, questa mattina aveva però dichiarato: "Non abbiamo prova che le navi umanitarie intralcino le operazioni Mare sicuro della Marina italiana".

Ong-trafficanti: zero prove, tante parole

La procura di Siracusa e il Copasir smentiscono Zuccaro e Salvini

 

Come ha spiegato lo stesso procuratore alla commissione Difesa – chiedendo che la diretta streaming del Senato fosse secretata – queste informazioni non si basano su dati dei servizi segreti: “Non ho chiesto all’intelligence di avere i dati perché non li potrei processualmente utilizzare”. Che ci siano irregolarità nella gestione dei flussi migratori “risulta anche da internet – ha continuato Zuccaro – dove vengono messi i dati sulla posizione delle navi così da essere noti a tutti”. Anche da chi si trova sulla terraferma libica, che può così organizzare le spedizioni sapendo dove si trovano le navi pronte al salvataggio, ha spiegato il procuratore. 

     

Zuccaro non si esime poi da una valutazione politica: "C'è l'impossibilità di ospitare in Italia tutti i migranti economici: per le Ong questo non è un discrimine, ma per uno Stato la differenza è rilevante, perché il controllo dei flussi migratori non può che competere agli Stati".

   

Zuccaro ha chiesto alla commissione Difesa di avere "strumenti adeguati" per condurre le indagini: "Abbiamo bisogno di una sforzo investigativo ingente per evitare che si rafforzino le organizzazioni dei trafficanti e diventino ancora più pericolose fino ad essere un ostacolo alla costituzione di un governo in Libia". Il paragone è quello della mafia in Sicilia, "che arricchendosi economicamente si è infiltrata nel tessuto sociale e politico". La gestione del traffico, afferma il magistrato, "non avviene nel pieno rispetto delle regole di Amburgo e del nostro stato: è un livello precedente alle indagini, quando segnalo queste cose, che credo debbano essere dette. Segnalare lacune legislative è utile e i magistrati lo fanno". "Poi vi sono indagini vere e proprie – continua – e su queste non ho mai fornito informazioni e mai lo farò. Non si deve confondere denuncia di illecito con divulgazione di informazioni sulle indagini". 

Senato - Audizione del del Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro


 

Uno strumento utile per comprendere meglio come vengono gestiti i flussi, sostiene Zuccaro, sarebbe quello delle intercettazioni delle chiamate effettuate con i telefoni Thuraya dagli scafisti o dagli stessi migranti. Ma serve un magistrato che le autorizzi. Più uomini potrebbero essere utilizzati invece a bordo delle imbarcazioni, "ma è solo un'ipotesi" avanzata dal procuratore che prevede la presenza di unità di polizia a bordo delle navi per sapere cosa succede. Il procuratore ribadisce poi che alcune organizzazioni umanitarie hanno navi che battono bandiera del Belize, Panama o Isole Marshall e questo impedirebbe la scoperta dei “canali di finanziamento” delle ong perché si tratta di “paesi non propriamente in prima fila per la collaborazione con le autorità giudiziarie”. L’utilizzo delle “bandiere ombra”, a cui spesso si ricorre per ridurre i costi di gestione delle imbarcazioni, non si capisce in che modo ostacolerebbe il controllo sui bilanci di ong che hanno sede in paesi europei.

Ma non ho le prove. Il pasolinismo di Zuccaro

Con le Ong, il procuratore mostra il metodo chiave della cultura giustizialista: “Non si può escludere”. Il caso al Csm

Altro filone di indagine è quello di fare chiarezza sulle "fonti di finanziamento delle Ong di recente costituzione" che si muovono con un'ingente quantità di risorse: "Non tutti quelli che lavorano e finanziano le Ong sono filantropi", ha detto Zuccaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    03 Maggio 2017 - 18:06

    A Redazione - La sortita del procuratore Zuccaro è dovuta al fatto che aveva capito che non lo avrebbero lasciato andare avanti. Che poi il circo mediatico, dei soliti un contro l'altro armato, ci sguazzasse dentro era inevitabile. Tutti i distinguo, pro o contro sono in sintonia col nostro penoso clima politico. Amen.

    Report

    Rispondi

  • mario.patrizio

    03 Maggio 2017 - 17:05

    Mi ha anestetizzato un passaggio: “C'è l'impossibilità di ospitare tutti i migranti economici: per le Ong questo non è un discrimine, ma per uno Stato la differenza è rilevante, perché il controllo dei flussi migratori non può che competere allo Stato.” Ovviamente alla magistratura se il parlamento non provvede come inteso dal magistrato. Sapevo di vivere in un Paese con un parlamento immobile inchiodato dalle beghe e dai veti, sapevo della magistratura che ha occupato gli spazi della politica pur nella speranza che la politica riconquistasse il suo ruolo, ma non sapevo che un magistrato potesse parlare come il presidente del Consiglio o un ministro. Sono ansioso di scoprire come andrà a finire, la qual cosa non ha niente a che vedere con le presunte responsabilità delle Ong.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    03 Maggio 2017 - 16:04

    Dal sito Ansa: "Tra il il personale delle Ong vi sono figure "non proprio collimabili con quelle dei filantropi" ha sottolineato Zuccaro ribadendo che sarebbe "molto utile individuare le fonti di finanziamento delle Ong di più recente nascita". "Il fine di solidarietà è tra i più nobili tra quelli perseguiti dall'uomo - ha aggiunto - e tanto più è vasta tanto più è nobile. Ma in questo caso vi sono interessi in gioco non solo di chi viene salvato"."

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    03 Maggio 2017 - 15:03

    Riassunto: 1) Io ho sicuramente ragione e le indagini costose che dovete pagare lo confermeranno 2) nessuno e' buono tranne i magistrati quindi e' solo questione di tempo e soldi per dimostrare che io ho ragione e gli altri sono cattivi 3) nessuno deve giudicare come io ho messo assieme gli elementi pubblici e disponibili a tutti, quindi secretiamo questa parte cosi' mi evito un po' di scocciature

    Report

    Rispondi

Servizi