A Terni arrestati il sindaco e un assessore

Secondo la Procura i due avrebbero alterato “le regole di mercato secondo un sistema illegale finalizzato a favorire" alcune cooperative sociali

A Terni arrestati il sindaco e un assessore

Screenshot da Youtube

Il sindaco di Terni, Leopoldo di Girolamo, e l'assessore ai lavori pubblici, Stefano Bucari – entrambi appartenenti al Pd –, sono stati costretti ai domiciliari questa mattina. Polizia e guardia di finanza stavano indagando da oltre un anno su di una serie di appalti relativi alla manutenzione ordinaria del verde pubblico e nei cimiteri urbani a cooperative locali, affidati dal comune ad alcune cooperative locali.

 

Secondo l’accusa i due, negli anni a cavallo tra il 2011 e il 2016, "invece di operare nel rispetto delle regole comunitarie e nazionali della libera concorrenza finalizzata alla scelta del miglior contraente”, avrebbero alterato “le regole di mercato secondo un sistema illegale finalizzato a favorire le stesse cooperative sociali di tipo B, operanti nel territorio di Terni e con affluenza extraprovinciali ed extraregionali". Le cooperative di tipo B, sono quelle che gestiscono attività finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lcandi

    02 Maggio 2017 - 21:09

    Nulla, un'altra trovata.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    02 Maggio 2017 - 18:06

    Secondo la Procura "i due avrebbero alterato le regole del mercato....finalizzato a favorire cooperative sociali di tipo B....con affluenza extraprovinciali ed extraregionali". Ma cosa cazzo vuol dire?

    Report

    Rispondi

Servizi