25 aprile, anche Napolitano con la Comunità ebraica

Messaggio del presidente emerito della Repubblica alla manifestazione di Roma: “Capisco la vostra scelta. La Brigata Ebraica contribuì alla Liberazione inammissibile qualsiasi faziosa contestazione” 

25 aprile, anche Napolitano con la Comunità ebraica

Un'immagine della manifestazione di Roma

Pubblichiamo il testo inviato dal presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, alla presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello in occasione delle celebrazioni del 25 aprile.   


 

Cara Presidente, 

in continuità con lo spirito della mia partecipazione all'iniziativa da voi assunta il 25 aprile dello scorso anno al Museo Storico della Resistenza in via Tasso, desidero rinnovare i miei sentimenti di profondo rispetto per il contributo che i combattenti antifascisti ebraici diedero - sotto la bandiera della Brigata Ebraica - alla liberazione del nostro paese dall'occupazione e oppressione nazista. Si trattò di un contributo significativo nella dura fase finale di quella guerra, che vide, appunto, la Brigata Ebraica concorrere allo sfondamento della Linea Gotica e alla liberazione del Ravennate. E condivido l'iniziativa parlamentare per il conferimento a tale singolare e generosa formazione della Medaglia d'Oro al Valor Militare.

 

Non è ammissibile qualsiasi faziosa contestazione della presenza di una rappresentanza della Brigata Ebraica nelle manifestazioni del 25 aprile, e ancor meno l'affiancare a questa presenza espressioni polemiche di parte nei confronti dello Stato d'Israele e della tradizione sionista.

 

Nell'esprimere dunque piena comprensione per la vostra scelta, auguro che sia nel prossimo futuro una piena ricomposizione del carattere unitario delle celebrazioni del 25 aprile, nel rispetto e nella valorizzazione di tutte le componenti dell'impegno politico e dell'azione militare per liberare l'Italia e riaprirle la strada, dopo la vergogna e la tragedia della guerra fascista, della pace, della libertà e delle democrazia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    25 Aprile 2017 - 21:09

    Ma no, lasciate passare ancora un po' di tempo prima della 'ricomposizione del carattere unitario del 25 aprile'. Che i fasciocomunisti millantatori della resistenza degli altri se ne stiano tra di loro. È solo questione di tempo e di lasciarli fare, e si scanneranno fino all'estinzione.

    Report

    Rispondi

  • gcpasini

    25 Aprile 2017 - 20:08

    Non che ci sperassi, ma l'ho cercato invano nella lettera di cui sopra, un cenno all'Alleato Americano PROTAGONISTA della liberazione. Niente da fare. Come in tutti i rendiconti televisivi delle odierne celebrazioni, nessun cenno ai giovani nostri liberatori che in pace riposano nei Sacrari di tutta Italia. Ci vantiamo di aver cacciato l'invasore, dimenticando chi ha prodotto il maggior sforzo e sacrificato il maggior numero di eroi !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Servizi