Il Tap di una volta

Cosa può imparare il “popolo del No” dalla storia dell’Acquedotto pugliese, che per essere realizzato ha richiesto la trasformazione del sistema idrogeologico, paesaggistico e ambientale di Caposele 

Il Tap di una volta

Gravina in Puglia. Ponte acquedotto viadotto Madonna della Stella. Foto Wikimedia Commons

Se per costruire l’Acquedotto pugliese si fosse ragionato come per Tap, la Puglia starebbe ancora nella sete e nella malattia. È un caso rappresentativo quello dell’Acquedotto ed emblematici sono tutti i suoi lavori di ampliamento, ammodernamento e manutenzione. Tra storia e cronaca tutto torna. Ci vuole solo un po’ di pazienza.   Era fine ’800. Dopo tanto peregrinare i tecnici pensarono di possedere gli strumenti tecnologici per sfidare la natura e il governo di Roma stanziò i soldi. A Caposele,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi