Di Maio contro le liberalizzazioni e la presunta mente dell'attentato di San Pietroburgo. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo lunedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

Di Maio contro le liberalizzazioni e la presunta mente dell'attentato di San Pietroburgo. Le notizie del giorno, in breve

Un'immagine dell'attentato alla metro di San Pietroburgo del 3 aprile (foto LaPresse)

In Italia

 

Il turismo internazionale in Italia segna cifre da record. Il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha detto che in queste vacanze pasquali il numero dei visitatori dei musei e le prenotazioni alberghiere hanno segnato una crescita fortissima, soprattutto nelle città “minori” del Mezzogiorno e del centro Italia.

 


 

Di Maio contro le liberalizzazioni degli orari di apertura dei negozi fatte da Monti. “Bisogna mettere al centro delle politiche pubbliche la persona, non queste fallimentari teorie di mercato”, ha scritto.

Giulia Di Vita, deputata grillina coinvolta nell’affaire delle firme false di Palermo, si è autosospesa dal gruppo parlamentare del M5s. Il deputato Riccardo Nuti si era già autosospeso domenica.

 


 

Garanzia pubblica per Alitalia da 200 milioni di euro data da Invitalia, società controllata dal ministero dell’Economia. La misura sarà inserita nella manovrina.

 


 

L’indicazione dell’origine del latte sull’etichetta, da domani, sarà obbligatoria per legge. Il decreto, che recepisce una direttiva dell’Unione europea, è stata fortemente voluta dall’ex premier Renzi.

 


 

Sciopero dei casellanti autostradali fino alle 22 di stasera. La protesta è contro i gestori delle autostrade che violano l’obbligo di porre almeno un addetto a presidiare ogni uscita. Il pedaggio si paga lo stesso.

 


 

Borsa di Milano. FtseMib -1,16 per cento. Differenziale Btp-Bund a 210 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,06 sul dollaro.

 


 

Nel mondo

 

Il vicepresidente americano Mike Pence avverte Pyongyang che “la pazienza strategica è finita”. In visita in Corea del sud, Pence ha definito “corazzata” l’alleanza tra Washington e Seul, dicendo che “tutte le carte sono sul tavolo” per fare pressione sul regime di Kim Jong-un affinché si sbarazzi delle armi nucleari e del programma missilistico. Pence ha anche detto che il presidente Trump spera in un aiuto da parte della Cina.

La Cina cresce del 6,9 per cento nel primo trimestre del 2017. E’ il miglior risultato dal 2015. A dirlo è l’Istituto Nazionale di Statistica di Pechino.

 


 

Arrestato un presunto organizzatore dell’attacco alla metro di San Pietroburgo dello scorso 3 aprile. Si chiama Abror Azimov Akhralovich, ha 27 anni e avrebbe addestrato il kamikaze kirghiso che si è fatto esplodere.

 


 

Blair potrebbe non andare a processo nonostante la denuncia di “aggressione militare illegittima” da parte del generale iracheno ar-Ribat. Il Procuratore generale Jeremy Wight, riporta il Guardian, vorrebbe intervenire per impedire il processo.

 


 

Jean-Marie Le Pen voterà per la figlia alle presidenziali francesi di domenica. L’endorsement non era scontato: Marine lo ha espulso dal Front national nel 2015.

 


 

I militari sono fedeli a Maduro, il dittatore del Venezuela che ha recentemente tentato di esautorare il Parlamento di Caracas. Lo ha detto il ministro della Difesa, il generale Vladimir Padrino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi