Cantone ci riprova: "Legalizziamo la cannabis"

Il presidente dell'Anac torna a parlare di una "droga controllata anche nelle modalità di vendita". E scatena le solite polemiche

Cantone ci riprova: "Legalizziamo la cannabis"

foto LaPresse

La "conversione" era arrivata lo scorso agosto quando, intervistato da Radio Radicale, il presidente dell'Anac Raffaele Cantone aveva confessato: "Fino a poco tempo fa ero assolutamente contrario all'idea della legalizzazione perché non mi convincevano gran parte degli argomenti. Adesso ho un po' cambiato posizione". Non stupisce, quindi, che quasi 8 mesi dopo, Cantone torni alla carica.

 

E’ arrivato il momento di dire sì allo spinello libero? Girotondo fogliante

218 parlamentari vogliono legalizzare la cannabis in Italia. E’ arrivato il momento di dire sì allo spinello libero? Ragioni, dubbi, scontri, domande. Girotondo fogliante

 

Stavolta il numero uno dell'Autorità anticorruzione è ospite dell'Agi e, interpellato sulla proposta di legge sulla legalizzazione della cannabis all'esame della Camera, risponde: "Mi pongo una domanda, anche se non sono in grado di dare una risposta: una legalizzazione di una droga controllata, anche nelle modalità di vendita, non potrebbe avere effetti migliori rispetto allo spaccio che avviene alla luce del giorno nella totale e assoluta impunità e che riguarda amplissime fasce della popolazione giovane?" Cantone, ovviamente, si guarda bene dal dichiararsi completamente a favore della legalizzazione, ma dietro la formula della "domanda senza risposta", in realtà, si nasconde un'idea piuttosto precisa. Tant'è che subito dopo aggiunge: "È un po' un'ipocrisia all'italiana ci nascondiamo dietro il proibizionismo sapendo che quelle norme sul proibizionismo servono a riempire le carceri, di extracomunitari in gran parte, e nessuno si preoccupa del perché il fenomeno cresce".

 

Canna libera? Il problema non è la dipendenza, ma da cosa dipendiamo

Legalizzare o non legalizzare la cannabis. Emmanuel Exitu risponde a Luca Bizzarri. In un mondo fondato sull'apparenza la diffusione delle droghe è normalissima. Ma c'è un ma.

 

Tanto basta per far ripartire le solite polemiche. Contro Cantone si scaglia subito il capogruppo di Area Popolare alla Camera, Maurizio Lupi: "Abbiamo appena letto su tutti i giornali la vicenda di una quattordicenne che a Milano, dopo aver fumato uno spinello ha scavalcato la balconata del cinema in cui era con gli amici e si è gettata nel vuoto. Un volo di sei metri, è viva per miracolo. La proposta di legalizzazione della cannabis avanzata oggi dal presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, andrebbe fatta guardando negli occhi quella ragazza e la sua famiglia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi