I tassisti tornano sulle barricate: sciopero il 23 marzo

Linea dura contro il governo: "Non è stato in grado di fornire alcun tipo di risposta a delle semplici domande, nascondendosi dietro la sovranità del Parlamento"

I tassisti tornano sulle barricate: sciopero il 23 marzo

La protesta dei tassisti lo scorso 21 febbraio (foto LaPresse)

Niente da fare, i tassisti tornano a protestare. Dopo che nei giorni scorsi l'Antitrust aveva chiesto al Parlamento di intervenire con una riforma del settore che tenesse conto anche delle nuove modalità di fruizione (un assist ad applicazioni come Uber e Mytaxi), oggi le principali sigle sindacali hanno annunciato uno sciopero nazionale di 14 ore, dalle 8 alle 22, per il 23 marzo.

 

"Un servizio che quotidianamente, tra mille difficoltà, garantisce un diritto essenziale per l'utenza, come quella alla mobilità, non può essere abbandonato alle mire speculative di grossi gruppi economici e devastato dall'abusivismo - sottolineano in una nota FIt Cisl taxi, Uil Trasporti taxi, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Usb taxi -. Ancora una volta siamo stati umiliati: il governo non è
stato in grado di fornire alcun tipo di risposta a delle semplici domande, nascondendosi dietro la sovranità del Parlamento. Sovranità però puntualmente calpestata quando si è trattato di salvare banche, grossi gruppi o interessi particolari".

 

"Nonostante la volontà di dialogo già manifestata un anno fa, con la revoca di uno sciopero e la promessa di apertura di un tavolo di confronto mai mantenuta - prosegue la nota -, dopo il colpo di mano notturno fatto in Senato, davanti ad una nuova disponibilità relativa alla rivisitazione delle norme che disciplinano il settore, il Governo non può dare rassicurazioni sulle decine di emendamenti piovuti sul Ddl concorrenza, nel quale è inserita la delega con cui riformare il comparto. Proclamiamo dunque un fermo nazionale di categoria per il giorno 23 marzo per difendere la dignità di migliaia di operatori, stanchi di vuote e inutili promesse". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    14 Marzo 2017 - 09:09

    L'Italia è una Repubblica fondata sulle corporazioni, con al centro quella dei tassisti. Dove sono le liberalizzazioni di cui politici, editorialisti, economisti e dintorni si riempiono la bocca da vent'anni?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    13 Marzo 2017 - 21:09

    Con questi scioperi non fanno altro che dimostrare l'utilità di Uber e altri similari. Invece di protestare perchè non tentano di fare concorrenza a Uber. Perchè ad esempio alla chiamata del cliente che dichiara qual'è la sua destinazione non comunicano immediatamente il costo della corsa come invece fa Uber, perchè non curano di più gli interni dei loro taxi che a volte fanno proprio puzza di sudore e di sporco e perchè non sono più gentili con i clienti e non imparano anche qualche lingua? E lo stato perchè non pone fine al traffico delle licenze?

    Report

    Rispondi

Servizi