Renzi garantista e lo scontro sui visti americani. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo venerdì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

Renzi garantista e lo scontro sui visti americani. Le notizie del giorno, in breve

Foto Air Force One via Flickr

DALL'ITALIA

 

“Se colpevole, mio padre dev'essere condannato”, ha detto Matteo Renzi intervistato da Lilli Gruber a Otto e mezzo. Parlando dell’inchiesta Consip, Renzi ha ribadito la sua posizione garantista, ripetendo di avere totale fiducia nella magistratura. “Per me i cittadini sono tutti uguali” – ha aggiunto Renzi. “C'è un disegno evidente in queste ore per tentare di mettere insieme cose vecchie di mesi”.



La norma anti-scorrerie sarà estesa a tutte le società quotate. L’emendamento al ddl concorrenza, che quindi non riguarda più soltanto le aziende considerate “di interesse strategico nazionale”, sarà votato in Senato l’8 marzo.



Pubblicati gli stipendi dei ministri. Valeria Fedeli, titolare dell’Istruzione, è la più ricca: nel 2016 ha dichiarato 180.921 euro. Maurizio Martina, ministro dell’Agricoltura, è il membro dell’esecutivo che ha dichiarato meno: 46.750 euro.
L’Agenzia delle entrate ha approvato un sistema di “liste selettive”: con bollette o auto in Italia e residenza all’estero partono controlli fiscali ad hoc.



Borsa di Milano. FtseMib +1.15 per cento. Differenziale Btp-Bund a 176 punti. L’euro chiude in rialzo a 1.05 sul dollaro.

 
DAL MONDO

 
Alain Juppè sarebbe disposto a sostituire François Fillon. L’ex primo ministro dei Républicains ha detto che se il candidato presidente del partito dovesse ritirarsi per lo scandalo del “Penelopegate” sarebbe disposto a sostituirlo. Secondo alcuni sondaggi Juppè batterebbe già al primo turno sia Emmanuel Macron, il candidato centrista, sia Marine Le Pen, leader del Fronte Nazionale.



Un arresto per le minacce antisemite in America. Un giornalista di 31 anni è stato accusato di 8 delle più di 100 minacce



Scontro sui visti americani. La Commissione Ue non intende accogliere la risoluzione approvata dall’Europarlamento sull’obbligo del visto per gli americani che entrano in Europa.



Palmira è completamente libera dalle milizie dell’Isis, ritiratesi nella zona orientale della Siria. Ad annunciarlo è l’Osservatorio per i diritti umani siriano



Scoperti resti di vittime dell’eugenetica nazista. Lo rivela il quotidiano tedesco Spiegel. Resti di corpi umani sarebbero stati trovati nell’archivio del centro Planck di Monaco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi