I tassisti festeggiano la resa del governo. Ma i più duri non mollano

Le sigle sindacali accettano l'intesa con l'esecutivo e fanno ripartire il servizio. Ora un mese di tempo per regolamentare il settore. Ugl, Usb e Federtaxi non firmano e promettono nuove forme di lotta

I tassisti festeggiano la resa del governo. Ma i più duri non mollano

foto LaPresse

Trenta di giorni di tregua. I tassisti hanno deciso di interrompere la protesta e accettare l'accordo proposto dal governo. Niente scioperi, forse. Perché alcune sigle sindacali resterà sulle barricate. L'intesa, infatti, non è stata sottoscritta da Usb, Ugl e Federtaxi. E promettono nuove forme di lotta se il governo non farà passi indietro.

 

Gli altri sindacati, circa una ventina, hanno invece un mese di tempo per mettere a punto una proposta comune da presentare al tavolo con il governo. Ma dopo la mano tesa di ieri sera, il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, avverte: "Faremo una riforma seria senza cedere alla piazza. Abbiamo ripristinato la regolarità del servizio e contestualmente abbiamo preso l'impegno di una riforma seria che non si può fare con delle proroghe. Uno Stato serio dà diritti a tutti quelli che hanno investito il loro denaro e ai cittadini che devono potersi muovere liberamente". Insomma se i tassisti pensano che tornare in piazza possa servire a ottenere qualcosa, si sbagliano. Anche perché, aggiunge il ministro dello Sviluppo Economico,
Carlo Calenda, "È inaccettabile che le decisioni vengano prese sotto le pressioni della piazza, sono cose che non appartengono a nessun paese democratico".

 

In ogni caso il governo, a questo punto, dovrà realizzare un decreto ministeriale per la lotta all'abusivismo e un decreto
legislativo di riordino della materia. Sperando che basti ad evitare altre manifestazioni e altri disagi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    22 Febbraio 2017 - 20:08

    Tassisti: invece di vedere la realtà con la giusta lungimiranza e, nell'evoluzione dei tempi, prendere le giuste misure organizzative per poter sopravvivere da comprimari nella vostra nuova realtà lavorativa, avete continuato nella becera convinzione che bastino degli scioperi selvaggi e beduini per avere la meglio. Invece, impreparati e ottusi, siete finiti nella tonnara ed a breve faranno la giusta mattanza. Non avete scampo e, badate bene, non è Del Rio il capo tonnara ma la tecnologia applicata al mercato e le sue leggi non fisse ma sempre mutabili. Fatevene una ragione e, responsabilmente, adeguatevi.

    Report

    Rispondi

    • marco.ullasci@gmail.com

      marco.ullasci

      23 Febbraio 2017 - 09:09

      La forza dello stato si mettera' a difesa dell'ordine costituito. Finche' non ci siano 20000 autisti Uber che per protesta bloccheranno completamente il traffico di Roma per un mese. O un milione di firme di utenti uber che dichiareranno di votare la Melloni se non potranno piu' godere del servizio di Uber.

      Report

      Rispondi

Servizi