Sui taxi una riforma definitiva per dire basta alle licenze e ai ricatti

Nel sesto giorno di sciopero illegale contro un emendamento che lascia le cose come stanno, interviene anche Virginia Raggi: “Noi al fianco dei tassisti, in piazza con loro”

Sui taxi una riforma definitiva per dire basta alle licenze e ai ricatti

foto LaPresse

Sesto giorno di sciopero illegale dei tassisti: traffico in tilt, strade in stato di guerriglia, assedio alla sede di un partito, scontri con la polizia, esplosioni di bombe carta davanti a Parlamento e ministeri, una città nel caos e un sindaco, Virginia Raggi, che dice: “Noi al fianco dei tassisti, in piazza con loro”. E tutto per un emendamento che lascia le cose come stanno, rinviando di un anno la regolamentazione dei taxi.

E’ evidente che le regole sono vecchie, soprattutto dopo i cambiamenti tecnologici che hanno trasformato questo come ogni altro settore economico. Ciò che la violenza e l’irragionevolezza delle proteste mostrano è che il sistema delle licenze, che affida in esclusiva il servizio taxi, non è (più) un modo per garantire il “servizio pubblico”, ma un’arma in mano ai monopolisti da puntare contro il pubblico.

 

Non servono piccoli accordi ma una riforma incisiva che superi il sistema delle licenze per un mercato aperto, basato su semplici autorizzazioni che garantiscano standard minimi di sicurezza. Si può anche prevedere una fase transitoria, nel passaggio da un modello a un altro, per rimborsare chi ha da poco acquistato una licenza taxi, con un meccanismo di compartecipazione dei passeggeri (che in cambio avrebbero servizi migliori e più convenienti), oppure attraverso incentivi che rendano il trasporto condiviso più conveniente rispetto all’auto privata. Ma l’obiettivo deve essere la completa liberalizzazione: una normativa aperta all’innovazione, perché il futuro non è Uber, ma le auto senza conducente. Altri compromessi al ribasso servono solo a rimandare il problema e spostare nel futuro gli attriti causati da regole sbagliate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • simona.degaetano

    22 Febbraio 2017 - 11:11

    Ricordo alla Sig.ra Virginia Raggi e a Giuseppe Piero Grillo Veni, Vidi, Web (di Gr Casaleggio) : "I supermercati andranno demoliti, bastano i mercatini rionali, del tutto inutili automobili e taxi, ci sono i mezzi pubblici gratuiti, chiusi tabaccai, macellerie (W i vegetariani) e librerie (basta il web!), proibita la caccia"

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    21 Febbraio 2017 - 22:10

    Ma che titolo è? 'Riforma'??? 'Definitiva'??? In Italia, dove il nuovo che avanza è l'accozzaglia tra i detentori abusivi di sussidio pubblico e gli aspiranti tali?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    21 Febbraio 2017 - 19:07

    Raggi e la decrescita intelligente o deficiente. Raggi che si schiera con il passato. Lei che è stata scelta dal webbete. Non ci posso credere eppure è vero. I treni a vapore Signara Sindaco, non li fermano i carretti trainati dai cavalli. Che cosa non si fa, quando in un mare di inefficienze si cerca un po di luce. Se questo è il nuovo.......

    Report

    Rispondi

Servizi