25 anni dopo Tangentopoli l'Italia è sempre più giustizialista

Da Mani pulite a Mafia Capitale è il trionfo dello scandalismo mediatico

giustizialismo

Foto di davitydave via Flickr

Negli stessi giorni in cui a Roma crollava il castello costruito sui presunti mafiosi che avrebbero conquistato la capitale, a Milano si celebrava tra pochi intimi, in una sala semideserta del tribunale ambrosiano, il venticinquennale di Mani pulite. Se ne potrebbe trarre l’impressione che la scalata dello strapotere giudiziario iniziata nel 1992 sia fallita o, quantomeno, che sia entrata in una fase discendente. Purtroppo si tratta di un’impressione sbagliata.

 

In realtà, la conquista giustizialista dello stato è progredita in questi anni e continua a rappresentare una pesante ipoteca sullo sviluppo di una democrazia politica basata sulla sovranità popolare. Quelli che hanno disertato il convegno milanese di Antonio Di Pietro e Piercamillo Davigo, magistrati e giornalisti, forse erano troppo occupati a scambiarsi informazioni e insinuazioni sui procedimenti in corso, in modo da riempire le prime pagine dei giornali con le gesta attuali della corporazione, più succulenti della rievocazione delle glorie di ieri o dell’altro ieri.

 

Guardando all’altro episodio, quello romano, bisogna sottolineare il fatto che una tattica investigativa spregiudicata, che consente di indagare per mafia decine e decine di persone senza uno straccio di indizio concreto, non ha sollevato scandalo, anzi: è stata presentata come un esempio di garantismo per il fatto che la procura, bontà sua, ha mollato la presa quando è stato evidente che il suo castello accusatorio non aveva il minimo fondamento. Si susseguono archiviazioni e assoluzioni di imputati o indagati che erano stati presentati all’opinione pubblica come malfattori impenitenti, ma queste notizie si trovano a fatica in qualche trafiletto delle pagine interne, mentre quelle delle accuse o delle condanne in primo grado poi riformate erano strillate in prima pagina. È impressionante la giustificazione che viene data di questa vergognosa asimmetria: quando fu accusato, il soggetto politico o imprenditoriale era potente e importante e quindi faceva notizia. Ora, dopo le vicissitudini giudiziarie (subite da innocente, ma non importa) non conta più niente, quindi non merita che la sua assoluzione o archiviazione abbiano rilievo.

 

Insomma, siccome sono stati stritolati dal combinato mediatico-giudiziario, ora sono personaggi trascurabili e, quindi, vanno trascurati. L’effetto dello strapotere giudiziario, oltre che danneggiare e in qualche caso rovinare singole persone, è stato rilevante e probabilmente decisivo nell’impedire che si stabilizzasse un sistema politico in grado di gestire in modo fisiologico la competizione. Non è questione di toghe rosse o di toghe nere, ma di un’azione di erosione costante e tenace di ogni processo di formazione di classi dirigenti politiche autonome. Questa azione distruttiva dello scandalismo e dell’indignazione professionali, ormai elementi permanenti e portanti di quel che resta del sistema politico, non avrebbe potuto svilupparsi fino alle dimensioni attuali, se la volontà dell’ordine giudiziario di trasformarsi in potere dello stato fino a sostituirlo non si fosse incontrato con gli interessi di altri poteri non elettivi, quelli di una debole aristocrazia finanziaria – che egualmente è interessata a impedire che si consolidino soggetti politici in grado di esercitare autonomamente le funzioni di governo e di amministrazione.

 

È così che si spiega l’atteggiamento dell’informazione, che da questi poteri dipende, che ha fatto e continua a fare da cassa di risonanza dello scandalismo. La debolezza istituzionale italiana, l’impossibilità di apportare le necessarie riforme di sistema, le conseguenti instabilità dei governi e friabilità dei partiti, sono anche l’effetto di questa condizione di minorità e di intimidazione permanente. E’ una spirale  dalla quale è assai arduo divincolarsi, almeno finché non se ne identificano le cause e non si uniscono le forze che puntano a restaurare un sistema di potere democratico basato sulla sovranità popolare e non sull’alleanza tra poteri burocratici ed establishment deboli che paralizzano lo sviluppo di una politica autonoma e riformatrice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • a.armaroli

    09 Febbraio 2017 - 12:12

    Come sempre: deboli con i forti, forti con i deboli. Chiunque abbia un rapporto con la giurisdizione, da cui si attende una risposta è un debole: indagato-imputato-persona offesa che sia.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    09 Febbraio 2017 - 10:10

    La sinistra ha cavalcato la tigre della magistratura d'assalto e adesso è ai suoi ordini. Il vecchio partito comunista non avrebbe mai permesso che accadesse questo; quasi quasi ci tocca rimpiangerlo.

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    09 Febbraio 2017 - 09:09

    In Francia fiorisce lo stesso paradosso.. ma alla francese.. sarà peggio

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    09 Febbraio 2017 - 08:08

    Proprio ieri un'altra aula del Tribunale di Milano ha celebrato il 25° di Mani Pulite con una ignobile sentenza che ha condannato Domenico Zambetti a 13 anni e mezzo e Ambrogio Crespi a 12 anni. Hanno riconosciuto il contesto "mafioso" nonostante la stessa Procura l'avesse abbandonato. Nonostante il maggior esperto italiano di flussi elettorali (Roberto D'Alimonte) abbia escluso un artificiale spostamento di voti. Nonostante la fonte principale dell'accusa sia stata giudicata inattendibile dalla stessa Procura. Nonostante sia a tutti evidente che siamo in presenza di un episodio di estorsione ai danni di Zambetti da parte di un gruppo di cravattari di quarta fila (ai quali, purtroppo, Zambetti si era incautamente appoggiato). Ma tra tutti i giornalisti che hanno seguito il processo e che ne conoscono le risultanze, ce ne sarà qualcuno che solleverà dubbi, che chiederà spiegazioni? O si limiteranno a fare da "cassa di risonanza" a questo orrore presentandolo come un atto di giustizia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi