È febbraio e c'è già un picco di migranti nel Mediterraneo. Le immagini in esclusiva italiana

Da giovedì mattina all'alba la nave Aquarius è intervenuta in 7 operazioni a ovest di Tripoli soccorrendo 785 persone

L'Aquarius è una nave che fa interventi di search and rescue dal febbraio del 2015 ed è operata dalla franco-italo-tedesca SOS Mediterranee in partnership con Medici Senza Frontiere che fornisce assistenza medica e logistica a bordo. È l'unica Ong rimasta nel Mediterraneo centrale anche nei mesi invernali per le attività di soccorso (ora raggiunta dalla spagnola ProActiva OpenArms).

Da giovedì mattina all'alba Aquarius è intervenuta in 7 operazioni di salvataggio nell'area SAR (search and rescue) concentrate a ovest di Tripoli, per la maggior parte a 22 miglia nautiche dalla costa libica, soccorrendo 785 persone. I migranti provengono principalmente dall'area sub sahariana ma venerdì è stata recuperata anche una piccola barca di legno con profughi siriani. Tra di loro minori non accompagnati, donne incinte, bambini, famiglie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    03 Febbraio 2017 - 18:06

    Pro Activa Open Arms: ma perchè dopo averli accolti "a braccia aperte" non li porta in Spagna?.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      03 Febbraio 2017 - 21:09

      Perché la terra promessa da papa e papessa è qui.

      Report

      Rispondi

Servizi