Il silenzio è loro

Come da tradizione Confindustria non si pronuncia sul giustizialismo popolare. Il nuovo caso Moretti

Il silenzio è loro

L'ad di Finmeccanica Mauro Moretti (Foto LaPresse)

Confindustria negli ultimi anni non ha mai interrotto la tradizione di non prendere posizione sulle aggressioni giudiziarie riguardanti i suoi iscritti oppure che interessavano settori di pertinenza dell'associazione delle grandi industrie private e pubbliche nazionali.

 

Il canovaccio si ripete ora con la gogna mediatica e pubblica scaturita dalla condanna in primo grado per la strage ferroviaria di Viareggio nei confronti dell'amministratore delegato di Finmeccanica Mauro Moretti, il quale ricopre incarichi vari e apicali nell'associazione – membro del Consiglio generale di Confindustria e del Gruppo tecnico ruropa di confindustria (rispettivamente da ottobre 2006 e da maggio 2012), membro del Consiglio Generale dell’Unione Industriali di Roma e Lazio (da maggio 2015). Le associazioni delle vittime della strage chiedono le immediate dimissioni di Moretti da Finmeccanica, società della difesa di rango mondiale, in quanto amministratore delegato di Ferrovie dello stato all'epoca dei fatti (è stato condannato in qualità di ex ad di Rfi).

 

Tuttavia le dimissioni non sono automatiche né dovute in quanto Finmeccanica, come altre partecipate pubbliche, non ha inserito nel suo statuto la cosiddetta direttiva Saccomanni sui requisiti di onorabilità dei manager (dimissioni anche in caso di condanna in primo grado). La clausola era infatti invisa agli azionisti, soprattutto internazionali, delle società pubbliche – che sono membri più pesanti nella Confindustria di oggi. Soprattutto perché, visto come vanno le inchieste e i processi in Italia, che si prolungano anni e possono non portare a nulla (vedi il caso di Porto Tolle e l'assoluzione perché il fatto non costituisce reato dell'ex ad dell'Enel Paolo Scaroni e dell'ad Franco Tatò) una clausola del genere avrebbe soltanto rischiato di destabilizzare le multinazionali statali italiane.

 

Tuttavia anziché prendere posizione Confindustria sotto l'attuale presidenza di Vincenzo Boccia preferisce non pronunciarsi come fece nel caso dell'inchiesta cosiddetta Tempa Rossa che comportò le dimissioni di Federica Guidi, ex presidente di Confindustria giovani, da ministro dello Sviluppo economico (inchiesta finita in nulla, sui giornaloni a pagina undici), e sta danneggiando l'economia della Basilicata e l'Eni.

 

Ma forse la timidezza di Confindustriale nei confronti delle intemerate giudiziarie con un certo seguito popolare non è una grande novità. Con Giorgio Squinzi andò un po' meglio: solo dopo qualche mese dai sequestri paralizzanti alla Tirreno Power di Vado Ligure e all'Ilva di Taranto che l'ex presidente degli industriali (2004-'08) decise di produrre una difesa dell'industria italiana dalla magistratura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ADL58

    02 Febbraio 2017 - 19:07

    Fortuna che la timidezza di Confindustria è tale solo rispetto all'aggressione giudiziaria. Ci sono altri settori in cui Confindustria fa la parte del leone. Si prenda ad esempio l'aggressione burocratico-fiscale. Il coraggio di Confindustria ha prodotto ben 26 edizioni di Telefisco. L'immagine è la seguente: ad Ovest del mondo Donald impone ai produttori di auto ed agli industriali in genere di non delocalizzare in cambio gli semplifica la burocrazia e li agevola fiscalmente. Da questa parte del mondo in Italia rispondiamo con un governo che accetta supinamente e fantozzianamente la concorrenza fiscale degli stati UE e nel frattempo massacra le imprese, anche le micro con Redditometri Spesometri Puttanometri Dichiarazioni Iva Mensili e trimestrali e via dicendo e la Confindustria che guerreggia con cuore impavido ed evidente disprezzo del pericolo e del rischio, incrementando IL NUMERO DELLE EDIZIONI DI TELEFISCO. The Donald e la sua AMERICA ha le ore contate !!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Servizi