La condanna mediatica di Moretti

Perché non si può confondere la giustizia con il risarcimento del dolore. La sentenza di primo grado del processo sulla strage di Viareggio

La condanna mediatica di Moretti

Un'immagine dei fatti del giugno 2009 (foto LaPresse)

Il tribunale di Lucca ha condannato a sette anni l’ex amministratore delegato di Ferrovie italiane Mauro Moretti per l’incendio successivo al deragliamento del treno che causò la morte di 28 persone a Viareggio, il 29 giugno del 2009. In un clima surriscaldato dalle proteste dei parenti delle vittime, si è replicata la scelta, già verificatasi in altre occasioni, di attribuire ai vertici massimi di un’azienda assai complessa la responsabilità penale di un disastro. Dal dispositivo della sentenza si capirà come sono state determinate le catene di responsabilità concrete e specifiche, che dovrebbero essere provate in un caso di questo tipo.

 

Il fatto che la condanna, seppure assai pesante, sia di molto inferiore a quella a 16 anni richiesta dall’accusa, sembra far intendere che non tutto l’impianto accusatorio sia stato accolto. Anche questo autorizza a prevedere che nei successivi gradi di giudizio ci sarà modo per valutare in modo meno emotivo le responsabilità personali e soggettive, invece di applicare una logica extragiuridica di “responsabilità oggettiva” che pare abbia prevalso anche in questo caso. D’altra parte, se ci sono voluti più di sette anni per mettere insieme un procedimento penale, vuol dire che la materia è oggettivamente complessa, il che ha impedito all’accusa di agire in modo spedito, nonostante l’imminenza dei termini di prescrizione.

Strage di Viareggio, arriva la sentenza: 7 anni a Moretti, Elia e Soprano

Sette anni fa, nell'esplosione di un treno che trasportava Gpl sono morte 32 persone. Il tribunale di Lucca condanna in primo grado gli ex ad di Ferrovie, di Rfi e Trenitalia

La richiesta di “giustizia” delle famiglie delle vittime è comprensibile e condivisibile, ma la giustizia non deve essere confusa con una sorta di risarcimento morale del dolore. Quando si cerca di dare questa interpretazione si esce dai cardini giuridici, il che – prima o poi – viene censurato in successivi gradi  di giudizio. Nessun sentenza “vendicativa” può lenire il lutto, e una sentenza destinata a finire nel nulla è solo un’illusione che rischia di rendere ancora più ulcerante la delusione. Ancora peggio sarebbe mettere in carcere per anni persone giudicate colpevoli solo per le funzioni che esercitavano, senza che sia provata un’effettiva responsabilità personale.

 

Anche in questo caso si avvertono i sintomi dell’avvelenamento mediatico della giurisdizione, un male oscuro che sembra incurabile (e che è stato denunciato recentemente in termini piuttosto espliciti anche nell’inaugurazione dell’anno giudiziario in Cassazione). Uno stato di diritto non può mai derogare dal principio dell’indipendenza della giustizia, anche dalla commozione per il dolore e dalla solidarietà per chi ha patito lutti e distruzioni. Quando e se si renderà la giustizia meno “popolare” ma più rigorosa, vorrà dire che si è imboccata la strada giusta, oggi ancora lontana.

Attesa a Lucca per la sentenza sulla strage di Viareggio

Dopo sette anni e sette mesi, il processo per l'incidente ferroviario che costò la vita a 32 persone è alle ultime battute

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    01 Febbraio 2017 - 11:11

    Ora per coerenza la legge condanni i ministri dei trasporti e dell'industria!

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    01 Febbraio 2017 - 09:09

    Dalla "d'azione ambientale" alla "responsabilità oggettiva" nella deriva giustizialista del circo mediatico giudiziario che rende opaco ed evanescente l'antico principio della responsabilità personale il passo e' breve. Il presidente di Cassazione Carnevale amava ricordare con sgomento la sua prima giovanile esperienza di magistrato giudicante, quando in camera di consiglio oso' osservare al presidente del collegio che nel caso in esame mancavano le prove certe della responsabilità personale dell'imputato e si sentì replicare: ma come si fa a farlo capire e digerire alla stampa e all'opinione pubblica infuriata?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    31 Gennaio 2017 - 23:11

    Da oggi tutti gli amministratori delegati tremeranno.

    Report

    Rispondi

  • StefanoAMDG

    31 Gennaio 2017 - 19:07

    Ma perché ci si aggrappa alla responsabilità oggettiva in un processo penale?

    Report

    Rispondi

Servizi