Assolto l'ex parlamentare del Pdl Marco Milanese

“Il fatto non costituisce reato”: il braccio destro di Tremonti era accusato del finanziamento illecito a un parlamentare per far nominare Fabrizio Testa consigliere dell'Enav

Marco Milanese

Marco Milanese (foto LaPresse)

L'ex parlamentare del Pdl Marco Milanese è stato assolto in appello dall'accusa di finanziamento illecito a un parlamentare per la vicenda della compravendita di un suo yacht. L'ex consigliere del ministro dell'Economia Giulio Tremonti in primo grado era stato condannato a otto mesi, giudizio capovolto dai giudici della seconda corte d'Appello di Roma, per i quali "il fatto non costituisce reato".

 

Il procedimento è un filone dell'indagine sugli appalti in Enav, la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia. Secondo l'accusa Milanese nel giugno 2009 acquistò in leasing a 20mila euro al mese un'imbarcazione di quindici metri, un Dolphin 64 della Mochi Craft, per poi rivenderlo nel dicembre 2012 alla società Eurotec a un prezzo superiore a quello di mercato.

Inchiesta Mose, arrestato Milanese

In cella per corruzione l'ex consigliere di Tremonti.

L'obiettivo, sempre secondo la ricostruzione dell'accusa, era far nominare Fabrizio Testa, ex presidente di Techno Sky, consigliere dell'Enav. Testa è uno degli imputati del processo Mafia Capitale in veste di uomo-cerniera fra Carminati e il mondo della politica romana. Questa sentenza potrebbe avere ripercussioni nell'altro processo nel quale Milanese deve rispondere di corruzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi