I timori di Bankitalia e l'estradizione del Chapo. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo venerdì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni

el chapo

Foto LaPresse

DALL'ITALIA

 

Il Consiglio dei ministri stanzia 30 milioni per il terremoto e prolunga lo stato di emergenza, su proposta del presidente Paolo Gentiloni, dopo il sisma del 18 gennaio scorso e i fenomeni meteorologici che hanno colpito Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Il Cdm ha inoltre considerato l’erogazione di “alcuni miliardi, in aggiunta ai 4 già previsti nella legge di Bilancio”, secondo quanto appreso dall’Ansa da fonti di governo.
"Sono cinque le persone estratte vive dalle macerie dell’hotel Rigopiano, mentre altre cinque (individuate) sono ancora da estrarre”. Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Curcio.

 


 

Bankitalia vede rischi per la crescita a causa della “diffusione di spinte protezionistiche”. Nel bollettino economico, si rileva che “i principali fattori di incertezza provengono, oltre che dalle condizioni finanziarie, dal contesto mondiale”.
L’Italia ha chiuso il 2016 con un deficit inferiore al 2,4 per cento del pil indicato dal governo.

 


 
Richieste condanne per i vertici di S&P dal pm di Trani, Michele Ruggiero: pene fino a tre anni e pagamento di una multa da 4,6 milioni di euro per i cinque imputati nel processo a Standard and Poor’s, accusati di manipolazione aggravata e continuata del mercato.

 


 

Borsa di Milano. FtseMib -0,06 per cento. Differenziale tra Btp e Bund a 161 punti. L’euro chiude in rialzo a 1,06 sul dollaro.

 


 

DAL MONDO

 

Donald Trump firma i primi provvedimenti da presidente. Dopo la cerimonia per la sua inaugurazione come 45esimo presidente degli Stati Uniti, Trump ha firmato gli atti di nomina del suo gabinetto e la legge che permette al generale James Mattis di servire come segretario alla Difesa.
Durante la cerimonia di inaugurazione a Washington ci sono stati scontri tra la polizia e alcuni manifestanti.

 


 

El Chapo estradato negli Stati Uniti. Il capo del cartello di Sinaloa, Joaquín Guzmán, è stato consegnato dal Messico alle autorità americane: era ricercato per la sua attività da narcotrafficante.

 


 
Gambia verso la transizione. Il presidente, Yahya Jammeh, ha accettato di lasciare il potere al suo successore democraticamente eletto, Adama Barrow. 

 


 

La Cina cresce del 6,7 per cento. L’Ufficio nazionale di statistica di Pechino ha diffuso i dati sulla prestazione della seconda economia del pianeta nel 2016, in linea con le aspettative tra il 6,5 e il 7 per cento del governo cinese.

 


 


L’Eurozona crescerà di più. La Bce ha stimato che nel 2017 l’inflazione sarà dell’1,4 per cento, invece dell’1,2 stimato in precedenza, mentre il pil crescerà dell’1,5 per cento, invece dell’1,4.
Il ministro dell’Economia tedesco, Wolfgang Schäuble, ha auspicato che la Brexit abbia risultati positivi per l’Unione europea e per il Regno Unito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi