In Francia è stata aperta un'inchiesta sulle emissioni delle Renault

Dopo quelli di Fca, anche i motori diesel della casa francese sono sospettati di aver superato i limiti delle emissioni di ossido d'azoto

Renault

Cina , inaugurazione della Dongfeng-Renault (foto LaPresse)

Dopo il caso delle emissioni delle vetture Fca negli Stati Uniti, la procura di Parigi ha aperto un'indagine su Renault accusata di aver manomesso il sistema che regola le emissioni inquinanti dei motori diesel. Il sospetto è di avere mentito "sulle caratteristiche sostanziali" e i controlli effettuati avrebbero mostrato che tali interventi "hanno reso i prodotti pericolosi per la salute delle persone e degli animali".

Dopo lo scandalo Volkswagen, nell'autunno 2015, il governo francese aveva affidato un'inchiesta alla direzione generale della Concorrenza, dei Consumi e Anti-frodi per verificare le emissioni di tutte le marche commercializzate in Francia in condizioni effettive di guida.

Dai test risulta che molti tra i modelli Renault hanno superato i limiti delle emissioni di ossido d'azoto. La casa francese si difende e dice di non aver mai manipolato i dispositivi che regolano le emissioni. Ma, avendo constatato anomalie e "presunte mancanze", la commissione ha inviato il dossier alla magistratura.

Emissioni pericolose

Perché la multa dell’Epa può accelerare l’americanizzazione di Fiat

Inizialmente affidato alla procura di Nanterre, il 6 gennaio scorso il dossier Renault è stato sottoposto al pool di magistrati specializzati nelle tematiche di sanità pubblica di Parigi per indagini supplementari.

Il titolo Renault è in deciso calo: attorno alle 12,05, infatti, cede il 2,06%, a 84,47 euro, dopo aver segnato un minimo di 81,1 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    13 Gennaio 2017 - 16:04

    Mi fanno un po' schifo le persone che dopo anni di test fuori dal mondo presi come standard internazionali oggi si accorgono che per strada le macchine non consumano come in laboratorio. Oggi scaricano sui produttori non solo le eventuali scorciatoie, ma anche le proprie responsabilita' politiche per la direzione scelta.

    Report

    Rispondi

Servizi