Terremoto, otto scosse nella notte in centro Italia

La più forte, di magnitudo 4.1, è stata avvertita a nord di Spoleto, nel perugino. Non si registrano danni a persone o cose

Arquata del Tronto

Il comune di Arquata del Tronto il 15 dicembre (foto LaPresse)

Otto scosse di terremoto durante la notte nelle zone del centro Italia colpite dagli eventi dello scorso 24 agosto. La più forte, di magnitudo 4.1, è stata avvertita alle 3,36 in provincia di Perugia, in Umbria. Come rende noto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l'epicentro è stato localizzato a nord di Spoleto, a una profondità di otto chilometri. L'evento sismico è stato avvertito distintamente anche nei comuni di Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi e Trevi.

Il dopo sisma non è solo un tema dello stato

Succede di accorgersi dei grandi amori solo quando si perdono. Il terremoto che dall’agosto scorso sta flagellando con ripetute scosse le regioni centrali del nostro paese (Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio) ha colpito anche l’immagine e la sostanza dell’Italia borghigiana appenninica.

Nella notte, poi, nel perugino la terra ha tremato altre due volte: la magnitudo registrata però è stata più lieve, precisamente 2.2. Nelle aree centrali dell'Italia, come detto, complessivamente ci sono stati otto terremoti, ma per fortuna non si hanno notizie di danni a persone o cose.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi