Morto William Salice, il papà dell'ovetto Kinder

Entrato in Ferrero nel 1960, ha contribuito al lancio di diversi prodotti di successo. Aveva 83 anni. Nel 2007 ha istituito una fondazione d'eccellenza a sostegno dei ragazzi più talentuosi

Ovetto Kinder

Un ovetto Kinder (иυт29 via Flickr)

Ieri sera, all'età di 83 anni, è morto in una clinica di Pavia William Salice. Era stato recentemente colpito da un ictus. È considerato il papà del celebre Ovetto Kinder, anche se ripeteva spesso che “l'inventore è Ferrero, io sono l'esecutore materiale”. Originario di Torino ma da anni residente a Borghetto Santo Spirito, in provincia di Savona, Salice era uno dei più stretti collaboratori di Michele Ferrero, proprietario dell'omonimo gruppo dove arrivò nel 1960, lavorando negli anni al lancio di diversi prodotti dall'ampio successo commerciale, dal Ferrero Rocher al Pocket Coffee.

 

Nel 2007, dopo la pensione, con i suoi 400mila euro di liquidazione contribuì alla nascita a Loano della fondazione Color Your Life, un campus formativo d'eccellenza - e gratuito - per i ragazzi, dove ha portato centinaia di tutor di altissimo livello, dai premi nobel ai capitani d'industria, per contribuire allo sviluppo del talento dei più giovani in campo artistico, scientifico e dei mestieri.

 

William Salice è stato dunque  un'istituzione per i più piccoli. Non a caso tra i video su Youtube più visti dai bambini ci sono quelli in cui altri bimbi scartano gli ovetti Kinder e montano le sorprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi