La pagliacciata plebeista comincia a farsi inquietante

A Montecitorio una decina di persone circonda e strattona l'ex deputato Osvaldo Napoli

Loading the player...

Roma. Prima hanno letto ad alta voce una sorta di capo di imputazione, emesso dall'autoproclamato gruppo "Forconi 9 dicembre". Poi hanno bloccato l'ex-parlamentare Osvaldo Napoli, afferrandolo sotto le braccia: "Arrestatelo! Maresciallo, venga ad arrestarlo!". I carabinieri sono intervenuti invece per liberare Napoli, strattonato in mezzo alla strada da un paio di uomini e una donna. E' successo a via degli Uffici del Vicario, accanto alla Camera. Il tutto è stato ripreso da passanti con lo smartphone e il video circola già sui social network.

 



  

Il gruppo di manifestanti circonda Osvaldo Napoli per leggergli una sorta di proclama, sulla base di una serie di articoli del codice penale, poi quella che sembra una provocazione, che l'esponente di Forza Italia accoglie di buon grado e con il sorriso sulle labbra, vira bruscamente: le voci salgono di volume e la scena cambia radicalmente di tono quando i tre personaggi che cercano di 'arrestare' l'ex deputato passano alle vie di fatto, lo afferrano per le braccia e lo strattonano, a pochissimi metri dall'ingresso del palazzo dei gruppi parlamentari, e dal portone principale della Camera. I carabinieri del battaglione in servizio di ordine pubblico intorno al Palazzo ha identificato 11 persone.

 



 

Il movimento "9 Dicembre Forconi", guidato dall’agricoltore pontino Danilo Calvani, era nato nel 2012 su un'onda antipolitica che rivendicava una lotta “contro la classe dirigente che ancora una volta vuole farci pagare il conto” e “l’ipocrisia dei nostri politici”. I militanti si erano dati appuntamento – via Facebook – mercoledì in piazza Montecitorio per protestare contro il governo e con l’intento di «arrestare» un politico. 

 

Intervistato da radio Cusano, Napoli ha dichiarato: "Non è stata una contestazione ma un atto delinquenziale. Non lo ritengo un problema di rabbia sociale. Le persone che c'erano – specialmente due – nulla avevano a che fare con problemi sociali. Li reputo professionisti della protesta fascistoide. Non è stata la protesta di gente in difficoltà economica, ma un azione fatta da veri delinquenti". E aggiunge: "Non farò nessuna denuncia perché ne hanno già quaranta".  

  



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    15 Dicembre 2016 - 03:03

    Piccoli travaglini crescono, prendono coraggio, e il partito degli imbecilli si ingrossa.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    14 Dicembre 2016 - 18:06

    Così iniziò il fascismo. Fra il serio ed il faceto, poi spuntarono i manganelli e l'olio di ricino, le violenze verso coloro che non erano d'accordo, il confino , l'omicidio Matteotti e infine la guerra in combutta col peggior pazzo criminale della storia per finire con l'obbrobrio della persecuzione contro gli ebrei. Italiani brava gente???

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    14 Dicembre 2016 - 17:05

    Se non si sbrigano a fare le cose vere e serie questo avverrà. Qui siamo all'antipasto.

    Report

    Rispondi

Servizi