L’assurdo del sindaco pignorato

Il caso Vincenzi: perché nessuno vuole più assumersi responsabilità

Marta Vincenzi

Marta Vincenzi (foto LaPresse)

A fine novembre Marta Vincenzi, ex sindaco di Genova, è stata condannata a cinque anni nel processo per le morti causate dall’alluvione del 2011. Per i giudici la Vincenzi non chiuse le scuole nonostante fosse stata diramata un’allerta e non chiuse con tempestività le strade. Del processo si è parlato molto, perché la materia dei disastri naturali e della prevedibilità di alcuni fenomeni (come le “bombe d’acqua”, così come i terremoti) è controversa. E’ chiaro che le responsabilità, in caso...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi