A Messina tre marinai sono morti nella cisterna di una nave

Erano a bordo della Sansovino, ormeggiata al porto. Altri due sono rimasti intossicati

A Messina tre marinai sono morti nella cisterna di una nave

Tre operai sono morti intossicati mentre pulivano la cisterna della nave Sansovino della Siremar ormeggiata al molo Norimberga del porto di Messina. Altri due operai sono in condizioni molto gravi e sono ricoverati all'ospedale Papardo e al Policlinico di Messina. Tra questi c'è anche l'ufficiale di coperta da cui dipendeva la squadra dell'equipaggio coinvolta nell'infortunio. La procura di Messina ha aperto una inchiesta: secondo una prima ricostruzione i cinque operai stavano eseguendo dei lavori di pulizia nei serbatoi del carburante quando si sono sentiti male e sono caduti nella cisterna. I lavoratori stavano eseguendo una saldatura, quando all'improvviso, forse per una scintilla, si sono sprigionati dei fumi tossici e gli operai sono svenuti per i fumi velenosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi