L'aumento dello spread e il capo di gabinetto di Trump. Le notizie del giorno, in breve

L'aumento dello spread e il capo di gabinetto di Trump. Le notizie del giorno, in breve

Reince Priebus (foto LaPresse)

DALL'ITALIA

 

“L’aumento dello spread non è una minaccia", dice Renzi. Intervenendo a margine di un incontro pubblico a Bergamo, il presidente del Consiglio ha detto che “l’aumento è ovvio se c’è incertezza”, e questa “è una constatazione”. Renzi rispondeva a una domanda circa la crescita del differenziale tra Btp e Bund. 


“Per il nostro paese la stagione delle riforme sarebbe dovuta iniziare subito dopo l’adesione all’euro”, ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in occasione della giornata in memoria di Carlo Azeglio Ciampi.

 


 

“A Milano serve l’esercito”, ha detto Sala.  Il sindaco del capoluogo lombardo, parlando della sicurezza nelle periferie, a margine della visita della presidente della Camera, Laura Boldrini, ha chiesto che parte dei militari impiegati a Roma per il Giubileo venga trasferita a Milano”.

 


 

A ottobre è calata la cassa integrazione del 32,9 per cento rispetto allo stesso mese del 2015, ma è salita del 7 per cento rispetto a settembre. Secondo l’Inps, l’aumento è dovuto all’incremento della cassa integrazione straordinaria, mentre quella in deroga è calata del 45,4 per cento.


A ottobre, secondo l’Istat, l’inflazione è calata dello 0,1 per cento su base mensile e dello 0,2 per cento su base annua, “mostrando nuovamente tendenze deflazionistiche dopo la ripresa di settembre”.

 


 

Cresce il numero di matrimoni in Italia. Nel 2015, rileva l’Istat, sono stati celebrati 194.377 matrioni, 4.600 in più rispetto all’anno precedente. Si tratta dell’incremento annuo più consistente dal 2008. 

 


 

Sfregiata statua dell’Elefante a Roma. Il restauro dell’opera del Bernini, per la Sovrintendenza, costerà tra 1.500 e 2.000 euro.
 


 

Borsa di Milano. FtseMib -0,75 per cento. Differenziale Btp-Bund a 176 punti. L’euro chiude in calo a 1,07 sul dollaro.

 

DAL MONDO

 

L’effetto Trump continua a farsi sentire sui mercati. E’ proseguita lunedì l’ondata di vendite che ha colpito i titoli di stato americani sulla scia dell’elezione a sorpresa del repubblicano Donald Trump, da cui gli investitori si aspettano un “cambio di paradigma” e una politica di aumento dei tassi di interesse e dell’inflazione. Sono aumentati i rendimenti dei bond europei.


Donald Trump ha nominato Reince Priebus, capo della Republican National Committee, come suo capo di gabinetto, e Steve Bannon, ex capo della sua campagna e animatore di Breitbart News, come principale stratega.

 


 

Elezioni in Moldavia e Bulgaria. Due candidati sostenitori di posizioni filorusse sono stati eletti alla presidenza nei due paesi. In Bulgaria l’elezione di Rumen Radev, ex generale dell’aviazione sostenuto dal Partito socialista, ha provocato le dimissioni del governo di centrodestra del primo ministro Boyko Borisov. In Moldavia la vittoria di Igor Dodon ha già portato a scontri con il governo filo Ue.

 


 

Steinmeier verso la presidenza tedesca. Indiscrezioni giornalistiche danno il ministro degli Esteri socialdemocratico come il sostituto ormai certo del presidente Joachim Gauck, giunto a fine mandato. 

 


 

Le forze turche colpiscono Raqqa. Il governo di Ankara ha detto che l’aviazione ha colpito 15 obiettivi dello Stato islamico, mentre si preparano le operazioni della coalizione internazionale per riconquistare la capitale dell’Isis in Siria.

 


 

Interrogatorio per Assange. E’ iniziato lunedì all’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove è rifugiato da un anno, l’interrogatorio del capo di Wikileaks da parte degli inquirenti svedesi. Assange è accusato di violenza sessuale plurima.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi