L'Egitto sequestra gli equipaggi di due pescherecci italiani

L'imbarcazione costretta ad attraccare ad Alessandria d'Egitto. A bordo 14 persone, otto italiani e sei tunisini
L'Egitto sequestra gli equipaggi di due pescherecci italiani

Il porto di Mazara

Nuovo sequestro di pescherecci ai danni della flotta di Mazara del Vallo (Trapani) in acque internazionali. Questa volta, nella notte, sono stati sequestrati il "Ghibli I" e il "Giulia", con a bordo 14 persone dell'equipaggio, otto italiani e sei tunisini. All'alba, le due imbarcazioni sono state fatte attraccare al porto di Alessandria d'Egitto. Le imbarcazioni si trovavano a 26 e 28 miglia dalla coste egiziane, in acque internazionali, secondo quanto risulta al Distretto della pesca di Mazara

 

A seguire gli sviluppi del sequestro è l'ufficio Relazioni internazionali del distretto della Pesca di Mazara, guidato da Giovanni Tumbiolo, che è in contatto con il governo regionale e con quello nazionale. Sembra che i militari egiziani abbiano lasciato a bordo i due comandanti trasbordando l'equipaggio sulle loro imbarcazioni. Anche l'ambasciatore italiano in Egitto sta seguendo la vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi