Grillo contro la Cina e il piano dell'offensiva contro Raqqa. Le notizie del giorno, in breve

Tutto quello che è successo lunedì in Italia e nel mondo senza fronzoli, fuffa e divagazioni.
Grillo contro la Cina e il piano dell'offensiva contro Raqqa. Le notizie del giorno, in breve

Beppe Grillo (foto LaPresse)

DALL'ITALIA

 

Tensione tra Juncker e Renzi su austerità e legge di stabilità. “L’Italia, a torto, non cessa di attaccare la Commissione”, ha detto Jean-Claude Juncker, spiegando che “l’Italia può spendere 19 miliardi in più” dopo le riforme al patto di Stabilità. Il presidente della Commissione ha spiegato che l’Italia aveva promesso un deficit dell’1,7 per cento, mentre ora stima il 2,4, a fronte di una spesa aggiuntiva per le emergenze terremoto e migranti pari allo 0,1 per cento del Pil. “Piaccia o non piaccia quelle spese saranno fuori dal patto di Stabilità” ha replicato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

 


 

Scontro nel Pd sull’Italicum. “E’ un pezzo di carta fumoso”, ha detto l’esponente della minoranza, Roberto Speranza, riguardo l’accordo raggiunto nella commissione del partito per la nuova legge elettorale. “L’incrocio tra la riforma costituzionale e l’Italicum è pericoloso per il paese”, ha osservato Pier Luigi Bersani. Dichiarazioni, queste ultime, che il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha definito “incomprensibili”.

 



Grillo contro la Cina. Il leader del Movimento 5 stelle ha annunciato che parteciperà alla manifestazione che si svolgerà domani a Bruxelles contro il riconoscimento della Repubblica popolare come economia di mercato. “Significherebbe non poter più applicare le misure di difesa commerciale, cioè i dazi applicati alle merci cinesi”, ha scritto Grillo sul suo blog.  

 



Alfano contro le dimissioni di Renzi se vincerà il No al referendum costituzionale.  “E’ un errore perché si confonde una parte per il tutto” ha detto Alfano, sostenendo che l’operato del governo sarà giudicato “alle elezioni politiche”.  

 



L’Istat prevede una crescita del Pil nel terzo trimestre “in linea con la media dell’area euro”. Analizzando il quadro congiunturale, l’Istituto ha escluso la possibilità di “un’ulteriore accelerazione” della crescita dell’economia.   

 



Borsa di Milano. FtseMib +2,56 per cento. Differenziale tra Btp e Bund a 155 punti. L’euro chiude in ribasso a 1,10 sul dollaro

 

 

DAL MONDO

 

Stati Uniti e Turchia pianificano l’offensiva contro Raqqa. “Stiamo lavorando insieme su un piano a lungo termine per conquistare, mantenere e governare Raqqa”, ha detto il generale Joseph Dunford, capo di stato maggiore delle Forze armate statunitensi. Dunford ha ammesso che saranno necessarie forze “arabe sunnite” per l’operazione, escludendo i ribelli curdi dell’Ypg, che stanno intercettando i jihadisti mentre si ritirano da Mosul verso la Siria.

 



No di Israele alla conferenza di pace nel medio oriente che la Francia vuole organizzare a Parigi entro fine anno. Il consigliere per la sicurezza nazionale di Gerusalemme, Yakov Nagel, ha detto alla stampa che il suo governo sostiene che solo colloqui diretti con i palestinesi potranno portare a una pace durevole. “Tutte le altre iniziative allontanano dalla pace nella regione”, ha detto Nagel.

 



Stretta cinese su Hong Kong. Il Comitato permanente del parlamento cinese ha approvato lunedì un’interpretazione della legge fondamentale dell’ex colonia britannica secondo la quale sono esclusi dal parlamento locale i deputati che non giurano fedeltà a Pechino. Questo permetterà la messa al bando di due deputati indipendentisti che hanno rifiutato il giuramento.
 

Il ministro delle Finanze cinese, Lou Jiwei, è stato rimpiazzato da Xiao Jie. Lo ha reso noto l’agenzia di stampa Xinhua.

 



Il Labour chiede chiarimenti su Brexit. Il ministro ombra laburista per la Brexit, Keir Starmer, ha chiesto al governo di conoscere in anticipo i piani per la Brexit, in modo da poter proporre emendamenti se ci sarà una discussione parlamentare.    

 



Daniel Ortega rieletto presidente del Nicaragua con il 72 per cento dei voti. La moglie Rosario sarà come vicepresidente. I risultati sono stati annunciati lunedì dal Consiglio elettorale. Per il presidente sandinista è il quarto mandato, il terzo consecutivo.   

 



Morta a 78 anni Janet Reno, primo Procuratore generale donna degli Stati Uniti.

 



La Bce aumenta gli acquisti di obbligazioni societarie, raggiungendo la cifra di 2,54 miliardi di euro su un totale di acquisti sul mercato di 20,5 miliardi. In totale, la Bce detiene 40 miliardi in obbligazioni di debito di aziende europee.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi