Renzi-Craxi? Meglio delle testate di Padellaro

L'ex direttore del Fatto monta un parallelismo che non regge tra il segretario del Pd e il leader socialista

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Renzi-Craxi? Meglio delle testate di Padellaro

Matteo Renzi (foto LaPresse)

Ora Matteo Renzi, chi non gli è mai piaciuto, chi gli piace ancora e chi non gli piace più perché lo reputa già il passato. Passato per passato, una replica di Montalbano ieri ha fatto il 27 di share, la Lollobrigida da Vespa il 15. Da Floris, Renzi ha fatto un botto di ascolti, mentre degli energumeni lo prendevano a testate come fossero a Ostia. Qualcosa vorrà pur dire. Non per tutti, però: c’è anche chi il passato non l’ha mai digerito. Sul Fatto Antonio Padellaro, uno che pure la sa lunga, ha scritto un papiro dal titolo: “Renzi come Craxi: devastare il partito e poi autodistruggersi”. Lo chiama “il leader più sconfitto della storia del Pd”, scrive che gliel’ha detto pure l’Economist. E fin qui, passi. Solo che Padellaro usa un paragone improprio: anche Craxi provò “a liberarsi del vecchio, glorioso, polveroso e troppo di sinistra Partito Socialista Italiano”, dice, e fece un partito “moderno, spregiudicato, flessibile e glamour” (si vede che il peggio, per Padellaro, è il glamour). Due uomini soli al comando che pur di arrivare a Palazzo Chigi si sono lasciati dietro mucchi di cadaveri, “forti di un galateo da barbari”. E via di Milano da bere e “tangenti à go-go”. Che Padellaro non gli voglia bene, a Renzi, è pacifico. Ma se voleva predirgli sventura ha sbagliato qualcosa. Craxi prese un Psi defunto e lo portò al 15 per cento. Ne fece il centro del sistema politico. A Palazzo Chigi ci stette quattro anni, un record. Portò l’Italia tra i Grandi e guidò una crescita garibaldina, ma che oggi ce la sogniamo. Renzi come Craxi, sarebbe un trionfo. Ma niente, c’è chi preferisce prendere a testate la storia, e l’evidenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • travis_bickle

    10 Novembre 2017 - 11:11

    La famosa turbocrescita a iniezione degli di Craxi si alimentava di debito pubblica. La stiamo pagando ancora. E i voracissimi sgherri dell'uomo con le palle hanno dissanguato e spolpato industrie che si portavano nel mondo -esempio,l'Italtel, che a inizio anni 80 era sul podio globale delle telecomunicazioni, e senza i manager della banda del buco magari chissa' l'avremmo avuta noi la Nokia. Meno male che quella crescita da sogno si sia interrotta dopo qualche anno, troppa "grazia" ci avrebbe uccisi.

    Report

    Rispondi

  • romamor

    10 Novembre 2017 - 09:09

    Come al solito perfetto, compagno Crippa, ma Travaglio e Padellaro ti forniscono sempre ottimo materiale. Forza Inter.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    10 Novembre 2017 - 08:08

    Grazie, Maurizio Crippa. Antonio Padellaro la saprà anche lunga, ma la scrive corta assai e pure falsa nel nome di una antica militanza che ingenera tristezza e malinconia ma pure sgomento. Mi pare fosse dalla parte di coloro che additavano il presidente Craxi come un pericolo per la democrazia e ora coerentemente sia con coloro che considerano Renzi un pericolo per la democrazia. Craxi pero’ ebbe l’ardire di non risparmiarle, agli intellettuali dei suoi stivali. Renzi per ora tace e subisce. P

    Report

    Rispondi

Servizi