Luttwak, il sosia della sorella di Kim. O di Stella & Rizzo

Dal football americano allo ius soli, passando per il M5s. L'intervento del politologo alla Zanzara 

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Luttwak, il sosia della sorella di Kim. O di Stella & Rizzo

Edward Luttwak (foto LaPresse)

"Questo cosiddetto sport con gli elmetti che si basa sullo scontro fisico causa danni al cervello ai giocatori, e le loro posizioni politiche dimostrano che i danni sono acuti, con casi di demenza". E detto da uno che ha passato la vita a giocare con i soldatini e gli elmetti, più che un basso insulto vagamente suprematista ai giocatori di football americano suona come il più disarmante dei lapsus, che sono sempre delle autodiagnosi. “Il Papa? Vada ad abitare ad Avignone, così l’Italia sarà finalmente libera”. “Il Papa non deve parlare di ius soli, si occupi del territorio del Vaticano. Lui invece parla di territorio italiano, sul quale non ha diritto di parlare perché non è un cittadino italiano”. E detto così, alla garibaldina, non sarebbe venuto in mente nemmeno a Gotti Tedeschi. Ma almeno il baldanzoso banchiere è italiano, lui invece è americano, e potrebbe anche starsene contento così, invece di agitarsi in indecorose invasioni di campo. Ma a questo punto il dubbio che a parlare alla “Zanzara” non sia Edward Luttwak, ma il sosia della sorella di Kim Jong-un, inizia a serpeggiare. Ma poi il luminare della politologia se ne esce dicendo che “il Movimento di Grillo ha catturato il sostegno di tanti italiani e di tanti giovani che vogliono cambiare l’Italia. Poi questo tizio, questo comico, Beppe Grillo, ha preso questo grande consenso, l’ha messo in una bottiglia e l’ha buttato via. Vada in pensione”. Ecco, qui la certezza che lui, Stella & Rizzo siano la stessa persona, diventa realtà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giuseppezavaroni

    27 Settembre 2017 - 11:11

    Egregio signor vicediettore, spero non si offenda se le dico che dopo la partenza di Mourinho e, ancor più, dopo l'abdicazione del Papa i suoi pezzi hanno progrssivamente perso in chiarezza, incisività ed equilibrio. Glielo dico con affetto e devozione filiali.

    Report

    Rispondi

Servizi