Il problema di Rula Jebreal non è il sessismo, è Fregoli

Passa da una stronzata all’altra, senza uscire mai di scena. Dicendo sempre un po' la qualunque su qualsiasi cosa

Il problema di Rula Jebreal non è il sessismo, è Fregoli

Rula Jebreal (Foto LaPresse)

Difendere i colleghi, soprattutto se li conosci, soprattutto se sono maschi, non è elegante. Ma soprattutto se non ne hanno bisogno. Dunque non è per difendere Nicola Porro, che parliamo di Nicola Porro e di Rula Jebreal. E’ solo per un godibilissimo senso dello spettacolo, perché il nonsense è una forma di comicità meravigliosa. Insomma Rula Jebreal, “giornalista e scrittrice israeliana naturalizzata italiana, di origine palestinese”, era alla trasmissione di Formigli. Diceva un po’ la qualunque sull’economia. Del resto andrà, sempre con Formigli, al Cortile dei Gentili, e dunque a dire la qualunque deve allenarsi. A un certo punto, trovandosi a discutere con Nicola Porro, che al solito faceva un po’ il gigione, le si è chiusa la vena, come si dice: “Non mettermi il dito in faccia perché questa si chiama violenza”. Lui: “Rula, guarda che se qualcuno non è d’accordo con te, non è sessista”. Lei non ci ha visto più: “Intanto non devi arrabbiarti e diventare rosso quando parli di diritti della donna e poi sei un uomo bianco che urla addosso a una donna come me. Quindi ti prego, abbassa i toni”. Insomma: stavano parlando di Brexit; poi lei è passata al sessismo; poi è trasmigrata sul razzismo, e in un battibaleno era sulla campagna del Giornale contro lo ius soli. Da restare estasiati. Non tanto per la qualità del giornalismo, non sapremmo dire. Ma la capacità di passare da una stronzata all’altra, senza uscire di scena, era meglio di Fregoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    21 Settembre 2017 - 23:11

    Per mia fortuna non ho più la tv. Mi sono limitato a vedere la trasmissione su YouTube. La signora (si fa per dire) è fastidiosa e molesta oltre ogni dire. È anche incredibilmente villana. Detto questo credo che sia veramente intollerabile che tutti i dibattiti non siano altro che una rumorosa e volgare rissa in cui tutti parlano insieme. Alla fine uno si domanda - ma evidentemente non abbastanza - che senso abbia avuto sprecare il proprio tempo guardando simili stronzate.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    19 Settembre 2017 - 21:09

    Il problema della Rula Jebreal è Formigli ma non chiediamoci il perché.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    17 Settembre 2017 - 12:12

    Crippa ha sostanzialmente ragione.Ricordiamo anche che Jebreal, in passato, fu oggetto di apprezzamenti sul colore della sua pelle da parte di quel gentiluomo di Calderoli. Quanto a Porro gigioneggia ora da Mediaset perché' il Rai ebbe la discutibile idea di invitare in una sua trasmissione tale Red Ronnie quale esperto no-vax.

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    16 Settembre 2017 - 21:09

    A monte , proporrei un po' più di "marcenarizzazione" sia pure controllata del giornalismo tout court. Marcenarizzandosi un pochino pochino, ecco che Crippa è diventato Crippa al quadrato. Non che ne avesse bisogno, Crippa, di essere lodato (apprezzo anche lui da troppo tempo); non che di Marcenaro ce ne possa essere più d'uno; e purtuttavia ..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi