Uomini che gli piacerebbe farsi odiare. Il caso Saviano

Lo scrittore "a cui la camorra ha sparato a salve" deve aver sbagliato classifica: tra i più detestati il suo nome non compare, meglio cercare in quella dei più noiosi

Uomini che gli piacerebbe farsi odiare. Il caso Saviano

Roberto Saviano (Foto LaPresse)

Ognuno ha i suoi, ovviamente. E in un mondo in cui l’hatespeech minaccia di tracimare peggio di un torrente tombato a Livorno, sarebbe forse prudente sorvolare sull’argomento e dedicarsi anema e core alla ministra Fedeli con l’iPhone 8. Ma siccome è lui che ha iniziato, proviamo. Breve classifica provvisoria dell’uomo più odiato d’Italia: 1) Giggino Di Maio (a prescindere, o a mezzo clic della rete, come vi pare). 2) Fedez. 3) L’uomo che ha inventato il Var (classifica per juventini). 4) Andrea “monociglio” Agnelli (per tutti gli altri). 5) Tonino Di Pietro dopo che s’è pentito di Mani pulite (più di prima). 6) Il carabiniere che prima ti porta a casa e poi ti stupra. 7) Il giornalista collettivo che scrive che te la sei cercata. 8) Il prete che porta in piscina i negri (Ku Klux Klan only). 9) Il prete che dice che Regeni se l’è cercata (per tutti gli altri). 10) Max D’Alema (alla carriera). Poi c’è lui, alias “quello scrittore che è stato ucciso dalla camorra. Si vede che gli han sparato a salve, perché lo vedo tutte le sere in televisione” (il copyright è di Paolo Nori, ma si capisce che lui non lo odia). Insomma Roberto Saviano. Che va in Spagna a presentare il suo ultimo libro, fa un’intervista ad Abc, e dice: “Io attiro molto odio. Sono l’uomo più odiato d’Italia”. E si vede che non se n’è accorto nessuno, perché nelle classifiche non si trova. Forse bisogna cercarlo nella classifica “l’uomo più noioso d’Italia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • NAPOORSO

    13 Settembre 2017 - 11:11

    9) Il prete che dice che Regeni se l’è cercata....sarà odiato da Lei ma non da me! Il prete in questione, ricordo non un semplice parroco di provincia ma missionario in luoghi simili (culturalmente, religiosamente, politicamente etc.) all'Egitto ha detto semplicemente la verità. Dolorosa, senz'altro, ma vera. Ricordo per i blateranti trinariciuti che era un occidentale pieno di soldi in giro per qualche motivo ignoto in un posto oggettivamente pericoloso. Per finire ricordo che la mandante, la professoressa di origine egiziana che lo aveva inviato in loco, si è rifiutata di collaborare con l'autorità giudiziaria italia. Per la serie tutto è chiaro niente da nascondere.

    Report

    Rispondi

Servizi