Difesa del pic-nic di Salvini dai tuittaroli peggio di lui

L’idea è di provare a difenderlo a prescindere dal merito. Non fosse, cioè, che anche ieri è stato il primo ma primo a tuittare, su Barcellona, cose che anche a non tuittarle non cambiava il mondo

Difesa del pic-nic di Salvini dai tuittaroli peggio di lui

Foto LaPresse

Oggi ci sarebbe da difendere Matteo Salvini. O meglio, precisiamo per non essere fraintesi: ci sarebbe da difenderlo per una questione di metodo. Insomma l’idea è di provare a difenderlo a prescindere dal merito. Non fosse, cioè, che anche ieri è stato il primo ma primo a tuittare, su Barcellona, cose che anche a non tuittarle non cambiava il mondo: “Preghiere, minuti di silenzio e gessetti colorati non bastano più! Schiacciare questi vermi, senza pietà”. O non fosse che a Rimini, ieri, succede questo (dal sito di Rep.): “Donna incinta rapinata, buttata a terra, picchiata e insultata: ‘Ti faccio abortire, negra di m…’”. Che certamente non è imputabile di persona al Capitano della Lega, ma se l’influenza dell’influencer esiste, diciamo che si sente. Così limitiamoci al metodo. Perché lui, l’incauto, il giorno di Ferragosto ha diffuso una foto, lui e la bella Isoardi sul prato (dietro si intravvede un cartello stradale tra i pini), lei che affetta il salame, lui con la panza bianca e italiana. Un sacchetto di plastica occhieggia in basso, malandrino. La cosa più normale, ma normale, che Salvini abbia fatto nell’ultimo quinquennio. Ebbene, invece qualcuno su Twitter ha commentato: “Pensavo di avere passato un Ferragosto di merda, poi ho visto questa”. Ricevendo in premio dell’inutile rutto d’odio centinaia e centinaia di like. E forse penseranno davvero di avere passato un Ferragosto migliore. E forse non s’accorgono che di Salvini, probabilmente anche per il resto dell’anno, sono peggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    18 Agosto 2017 - 11:11

    Caro Crippa, non ho certamente nessuna simpatia salviniana, ma condivido in pieno quello che ha scritto.

    Report

    Rispondi

Servizi