L’auto-complotto a perdere dei razzisti cretini

Una escalation imbecille che manco agosto può giustificare

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

L’auto-complotto a perdere dei razzisti cretini

Una scena di "La vita è meravigliosa"

Fossi Paola Taverna, ma non accusatemi di razzismo, mi verrebbe da dire che c’è in giro un complotto per farci vincere. Un complotto, mi spiego meglio, ordito non solo dai nazisti dell’Illinois (quelli ormai fanno paura) ma dai razzisti padani e subalpini di ogni cretineria e latitudine apposta per perdere, loro. E farci vincere, noi (che forse non siamo buoni, ma siamo grosso modo normali). Altrimenti non si spiegherebbe che a Verona (vabbé, direte: Verona) una ragazzina italiana diversamente pigmentata venga esclusa da un concorso canterino, perché “italiani si nasce, non si diventa”. E prima un albergatore di Cervia abbia fatto piangere via sms un aspirante cameriere, “mi spiace Paolo, ma non posso mettere ragazzi di colore in sala, qui in Romagna sono molto indietro con la mentalità”. E altri giorni fa c’era un commerciante che l’avrebbe anche assunta, lei, a fare la commessa: ma non se la sentiva di affidare la cassa a una che condivide la vita con un nigeriano. Del cartello svizzero per la doccia obbligatoria degli ebrei non parliamo, perché siamo razzisti e sta oltre confine. Una escalation imbecille che manco agosto può giustificare: è proprio un complotto a perdere. Poi, siccome era Ferragosto, l’altra sera c’era un film di natale, La vita è meravigliosa. Alla fine, quando c’è la colletta per salvare Jim Stewart, uno dice “arriva anche la negra”. E lei: “Avevo tenuto questi soldi per il divorzio, se mai mi fossi sposata”. E versa il suo obolo. Oggi Frank Capra l’arresterebbero per razzismo e genderismo. Ma almeno quello era un complotto di buonumore, e per vincere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi