Educazioni sessuali a trabocchetto per genitori distratti

Notizie aggregate, tra sesso, matematica e seggiolini

Educazioni sessuali a trabocchetto per genitori distratti

Le notizie funzionano per aggregazione, si sa. Formano grumi. Ieri c’era questo atollo tematico, che va e viene. La denuncia di un test su base volontaria (non ministeriale) somministrato in certe scuole dal titolo “Divario di genere nel rendimento degli studenti. Il ruolo delle variabili sociali, economiche, geografiche e culturali”. Trattasi di “un breve test di matematica seguito da una scala per la rilevazione dell’ansia e dell’auto-efficacia”. Funziona che dopo le prime cinquanta domande sui numeri, si chiede ai 14-15enni del target di valutare affermazioni tipo: “l’omosessualità maschile è una perversione”; oppure: “approvo che una donna assuma un ruolo aggressivo in un rapporto sessuale”. La matematica, si sa, i ragazzi li arrapa.

A Modena invece un genitore ha denunciato (su Facebook, dove altro?) un corso di educazione sessuale per le quinte elementari in cui ci si riprometteva, tra l’altro, di aiutare i bimbi a contestualizzare “i rumori che fanno mamma e papà in camera da letto”. Mandarli direttamente su YouPorn? Ma la cosa veramente scandalosa, ma davvero, è che, al genitore, la dirigente scolastica abbia risposto assai piccata: “Quando si ritiene che il patto educativo non funzioni al meglio se ne parli in primis coi docenti e poi con me”. Far rumore, si sa, può indurre in distrazione non solo i bambini, ma anche i papà. L’importante è non sbagliare col preservativo delle formalità. Poi ieri, e non c’entra niente, è morta una bambina di 18 mesi dimenticata nel seggiolino della macchina. Qualcuno ha già chiesto una legge sui seggiolini. Distrazioni, formalità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    09 Giugno 2017 - 15:03

    Una bella legge sugli analfabeti, di ritorno, di andata, funzionali, ci vorrebbe. Altro che seggiolini: ogni cinque anni esame di quinta elementare per tutti, se non lo passi non voti. Fine dei grillini e fine dei docenti de sinistra che scrivono 'patto educativo' e 'in primis'.

    Report

    Rispondi

Servizi