Ma pure dentro l’olio di palma c’è Twitter? Dibattito

Ho un account ma lo uso poco perché non ho niente da dire, e se anche se l’avessi, secondo la definitiva lezione di Gorgia Sofista, non è comunicabile

Ma pure dentro l’olio di palma c’è Twitter? Dibattito

Ho un account Twitter ma lo uso poco. Non perché, come CDB, ritenga che i social media siano responsabili della nascita del populismo. Ma perché non ho niente da dire, e se anche se l’avessi, secondo la definitiva lezione di Gorgia Sofista, non è comunicabile. L’altro giorno il gran @lucianocapone ha twittato un arguto appunto sul fatto che l’odiato plutocrate Soros è ricco esattamente quanto la dolcissima signora Nutella in Ferrero. Per sfotticchiare il suo entusiasta turboliberismo, gli ho ritwitatto: be’, almeno lei fa la Nutella. E lui: ma nella Nutella c’è l’olio di palma! E io: per questo è buona. Sono due giorni che continuo a ricevere like e ritweet di persone (mi pare sia d’uso ringraziare per tanta attenzione) che un po’ rilanciano “ma c’è l’olio di palma” un po’ si schierano con “per questo è buona”. Non penso che esprimere opinioni sui social sia, per partito preso, il male assoluto, e chi lo fa sia fesso. Ma un pensiero mi viene: possibile che ci sia così tanta gente interessata a difendere la Nutella come quint’essenza della vita, nonostante le due palle che ci ha fatto per trent’anni Nanni Moretti? E, peggio ancora, che ci sia davvero gente interessata a discutere dell’olio di palma? Era solo un cazzeggio, ragazzi, niente che possa essere conosciuto o valga la pena di essere comunicato, per attenersi a Gorgia. A meno che pure Twitter contenga olio di palma. Ma, nel caso, il social sarà spalmabile?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    07 Maggio 2017 - 15:03

    Parlando di nutrizione per gli esseri umani si sentono cavolate ad libitum ,mentre quella per gli animali ( a pensarci gli animali sono da sempre schiavi dell'uomo - anche per gli animalisti e per gli amici di miaoo baubau- che ha diritto su di loro di vita e di morte ; un esempio : nell'ippica il dressage è una tortura infinita per i poveri cavalli e poi qualche fesso grida contro la corrida) sono elaborati dalla scienza. Stanno diffondendosi i vegani e gabellano la loro scelta per presa di coscienza etica , pur non avendo la più pallida idea di etica ,ma in fondo stanno avendo un risultato positivo a livello mondiale .Sulla terra si stimano circa 7,500 miliardi di umani e il Foglio riporta analisi e studi ,nei quali si legge che oggi la fame nel mondo è diminuita per le nuove tecnologie e non perchè I buonisti predicano il volemosebene, e così il veganesimo se non altro non costringe gli allevatori a una produzione ossessiva.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    06 Maggio 2017 - 17:05

    Un po' di umorismo fa sempre bene e sull'olio di palma mi sembra sia urgente. E' urgente anche un po' di sana informazione. L'altro giorno sono entrato nel mio supermercato preferito e appena entrato vedo un grande cartellone dove era scritto a caratteri cubitali: "La nostra catena di distribuzione ha eliminato completamente i prodotti contenenti olio di palma. Siamo al servizio della vostra salute". Io mi chiedo perchè in questo nostro paese l'equilibrio è cosa rara. Quando spiego a chi me lo chiede che l'olio di palma ha difetti e pregi come qualsiasi altro elemento naturale. Quello di quest'olio è che contiene per quasi la metà grassi saturi, cioè quelli che la medicina considera dannosi sopratutto per le nostre arterie. Ma attenzione, una certa piccola percentuale di grassi saturi sono contenuti in tutti gli oli, anche nel nostro ottimo olio d'oliva. L'importante è come sempre non eccedere.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    06 Maggio 2017 - 07:07

    Ma c'è l'olio di palma. Per questo è buona.

    Report

    Rispondi

Servizi