Le fake sui vaccini e il procurato allarme di Lorenzin

In un paese in cui le bufale fanno politica, è normale che l’efficacia dei vaccini diventi opinione opinabile da uno vale uno

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Le fake sui vaccini e il procurato allarme di Lorenzin

In un paese in cui Emiliano si può candidare segretario del Pd, usando pure i vaccini come arma di confusione di massa, è normale che i vaccini diventino argomento di fake news. In un paese in cui le fake news fanno politica, è normale che l’efficacia dei vaccini diventi opinione opinabile da uno vale uno. Il che non è. Poi, oltre alle armi di confusione di massa e all’opinionismo, ci sono anche le vecchie, care esternazioni allarmiste. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ieri ha diffuso un accorato appello per la crescita simil-epidemica del morbillo: da gennaio 2017 c’è stato un preoccupante aumento dei casi, erano 844 nel 2016 e oggi sono già 700 in più. Il 230 per cento in più di un numero quasi nullo. Il fatto è che ci si vaccina di meno, dice, anche se metà dei casi riguarda persone tra i 15 e i 39 anni: prima che sbucasse Grillo. Io sono favorevole alle vaccinazioni, credo che i miei figli le avessero fatte, non ricordo. Mi ricordo che io il morbillo lo feci, ero un mostro pieno di pallini rossi e le bambine mi schifavano (tanto mi schifavano lo stesso). Non è successo niente, sono vivo. Si muore meno di morbillo che di influenza. E il procurato allarme causa più mal di testa. Era meno esantematica la Lorenzin del Fertily day.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • GianmarcoOlivé

    GianmarcoOlivé

    17 Marzo 2017 - 10:10

    Grazie Crippa, anch'io ho fatto il morbillo, anch'io sono del '60, non sono morto e Lei mi fa sentir meno solo. Mi pare che con sta storia delle vaccinazioni per le esantematiche si stia dando di matto.

    Report

    Rispondi

Servizi